Jump to content
Amministratore

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 6 al 12 ottobre

Recommended Posts

ecigarette-e1487774092721.jpg

UsaMelania Trump: sul vaping gli Usa adottino il modello europeo
Servirebbe l’adozione del modello europeo per tirare fuori l’industria del vaping statunitense dal cono di sospetti e di approssimazione in cui sembra finito in questi mesi. Lo ha suggerito Melania Trump, la moglie del presidente Usa, intervenendo a un evento contro la droga organizzato da Dean Norris, attore di Breaking Bad. Un divieto di vendita ai minori a livello federale (molti sono stati introdotti in questi ultimi tempi dai singoli Stati) e un packaging sobrio potrebbero, secondo la First Lady, rimarcare il fatto che l’ecig non è in principio uno strumento per i giovani o per i non fumatori, ma è destinato a chi vuole sostituire la più nociva sigaretta di tabacco o aiutarsi nel processo di affrancamento totale da qualsiasi dipendenza. Su Sigmagazine la proposta di Melanie Trump in dettaglio.

Sigarette elettroniche, Melania Trump vuole modello europeo: divieto ai minori e packaging sobrio

 

Usa Parlamentare propone limite di nicotina in liquidi ecig di 20 mg/ml
Una proposta in senso europeo è giunta anche da un rappresentante del congresso americano, Raja Krishnamoorthi. Nel dibattito che si sta tenendo negli Usa sulle misure da prendere per rendere più trasparente e sicuro il mercato delle sigarette elettroniche, Krishnamoorthi ha lanciato l’idea di introdurre una legge che obblighi il limite di 20 milligrammi per millilitri di nicotina nei liquidi per ecig. Un tale limite è presente nelle legislazioni in vigore in Unione Europea, Gran Bretagna e Israele, ha sostenuto il parlamentare, mentre negli Usa è possibile utilizzare liquidi che contengano fino a 59 mg/ml di nicotina. Negli altri Paesi tali limitazioni, compresa quella dell’eta minima di acquisto, hanno consentito di essere esenti dal problema della diffusione del vaping fra i giovanissimi, ha concluso Krishnamoorthi.

UsaIn Montana sospensione per 120 giorni della vendita di liquidi aromatizzati
Il governatore del Montana Steve Bullock ha disposto la sospensione temporanea della vendita di liquidi aromatizzati in tutto il territorio dello Stato in risposta ai casi di malattie polmonari. Qualche giorno fa le autorità sanitarie locali hanno certificato il secondo caso di malattia nello Stato. La disposizione straordinaria entrerà in vigore il 22 ottobre e si protrarrà per 120 giorni, in attesa degli sviluppi.

UsaGestione mediatica della crisi e divieti: analisti prevedono un calo sul mercato americano
Potrà aggirarsi attorno al 13 per cento il calo del mercato della sigaretta elettronica negli Stati Uniti secondo le stime dagli analisti di EcigIntelligence, in seguito ai contraccolpi dovuti da un lato alla gestione mediatica dei casi di malattie polmonari, dall’altro all’introduzione di divieti mirati su determinati prodotti. La flessione americana dovrebbe riverberarsi, seppur in misura minore, anche su altri mercati, specialmente quelli di Canada e Gran Bretagna, hanno aggiunto gli analisti. Qualche dettaglio in più nell’articolo di Sigmagazine.

Usa, sigarette elettroniche: allarmismo e crisi costeranno 13% del mercato

 

FranciaLo pneumologo Dautzenberg smonta lo studio Usa su topi e sigaretta elettronica
Lo penumologo francese Bertrand Dautzenberg ha criticato lo studio condotto da un’équipe dell’Università di New York su topolini da laboratorio, che avrebbe evidenziato l’insorgenza di tumori al polmone e alla vescica dopo la prolungata esposizione (di tutto il corpo) al vapore prodotto da sigaretta elettronica con nicotina. Le critiche di Dautzenberg, che giungono dopo quelle di altri autorevoli esperti europei, si concentrano su un errore metodologico dei ricercatori americani: hanno esposto i topi, (una specie sensibile al cancro al polmone) all’equivalente di 450 anni di utilizzo della sigaretta elettronica, ha detto il medico francese. L’articolata contestazione di Dautzenberg nell’approfondimento di Sigmagazine.

Studio Usa, topi bombardati con l’equivalente di 450 anni di svapo a secco

 

FranciaMois Sans Tabac, l’iniziativa pubblica che punta anche sull’ecig
Annunciate le linee guida della nuova edizione di Mois Sans Tabac, l’iniziativa organizzata dalle autorità sanitarie francesi per sensibilizzare l’opinione pubblica sui danni provocati dal tabacco e per aiutare i fumatori ad affrancarsi dalle sigarette tradizionali. La Francia, seppur con minore enfasi rispetto alla Gran Bretagna, punta ormai apertamente sui prodotti per la riduzione del danno, sigarette elettroniche in primo luogo. Sigmagazine illustra le coordinate dell’iniziativa che, come di consueto, durerà tutto il mese di novembre.

Francia, a novembre si smette di fumare anche con la sigaretta elettronica

 

FilippinePhilip Morris Fortune Tobacco chiede tasse più basse per ecig e riscaldatori
Secondo quanto rivelato dal quotidiano The Philippine Inquirer, Philip Morris Fortune Tobacco Corporation (Pmftc) ha chiesto ai legislatori della repubblica asiatica sud-orientale di ridurre le tasse sui prodotti alternativi al fumo come le sigarette elettroniche: una minore dannosità richiede anche imposte più basse, sostengono i dirigenti della multinazionale. Il direttore degli affari esterni e della comunicazione, Patrick Muttart, ha aggiunto che, secondo un sondaggio, il 60% dei fumatori filippini sarebbe disposto ad abbandonare le sigarette tradizionali in favore dei metodi alternativi come ecig e riscaldatori di tabacco. Una riduzione del costo di tali strumenti incoraggerebbe ancora di più i fumatori a compiere il salto, ha concluso Muttart.

Austria/ItaliaDa Innsbruck i dati sui liquidi per l’operazione trasparenza di Dea Flavor
Arrivano dall’Austrian Drug Screening Institute di Innsbruck i risultati delle analisi che l’azienda italiana Dea Flavor ha fatto compiere sui liquidi di sua produzione, con l’obiettivo di avviare una campagna di trasparenza a favore della bontà delle produzioni regolari italiane. Il lavoro è stato realizzato anche con la collaborazione di 3SLAB. Se da una parte non devono essere sminuiti i potenziali rischi per la salute, che possono pur sempre accadere nel caso in cui venissero utilizzati prodotti di dubbia derivazione, dall’altra non può essere ignorata la consistente riduzione del danno rispetto al fumo tradizionale, scrive Sigmagazine nell’articolo che illustra i dati provenienti da Innsbruck.

Liquidi per sigarette elettroniche, Dea Flavor avvia l’operazione trasparenza

 

Gran BretagnaImperial Brands rivede al ribasso i ricavi, preoccupa il panico Usa sull’ecig
Il colosso britannico Imperial Brands ha emesso un profit warning a causa del deterioramento dell’andamento del mercato statunitense dei prodotti di nuova generazione (la sigaretta elettronica), ma anche di variazioni di aspettative generali in Africa, Asia e Australia. La società prevede ora che i ricavi netti del gruppo per l’anno cresceranno di circa il 2% e che gli utili per azione dovrebbero essere sostanzialmente stabili a cambi costanti. La nota aggiunge che l’eco dei recenti casi di malattie polmonari (che, giova ricordarlo, hanno creato un’ingiusta psicosi sull’ecig) ha già prodotto un forte rallentamento del mercato Usa del vaping, con calo di vendite e di nuovi ordinativi da parte dei negozianti. Tuttavia Imperial Brands è convinta che gli strumenti del vaping continueranno a offrire opportunità di crescita aggiuntiva all’attività dell’azienda nel settore del tabacco.

BangladeshLimite agli investimenti diretti esteri nel settore del tabacco
Il governo del Bangladesh ha in programma di limitare gli investimenti diretti esteri nel settore del tabacco, in modo da limitare la fornitura di prodotti nocivi. Lo riporta il quotidiano finanziario Financial Express citando fonti governative. Gli investimenti esteri da parte di grandi compagnie internazionali del tabacco sono rilevanti in Bangladesh. Il governo ritiene che, per contenere l’offerta di tabacco sul mercato, sia necessario convincere (magari attraverso incentivi) gli agricoltori locali a cambiare le proprie coltivazioni.

Gran BretagnaTempo di fiere, la tre giorni di Liverpool
Il prossimo sarà un fine settimana ricco di fiere del vaping in giro per il mondo. Si comincia da Liverpool venerdì 18 ottobre per la tre giorni della Vape Jam Uk 2019, che si protrarrà fino alla domenica, radunando espositori e consumatori nel Paese che continua ad essere il battistrada nelle politiche di riduzione del danno affidate agli strumenti alternativi come la sigaretta elettronica.

Gran BretagnaCon Brexit senza accordo ricompariranno i duty free alle frontiere
Il ministero del Tesoro del Regno Unito ha annunciato che, in caso di Brexit senza accordo con l’Ue, verranno reintrodotti i duty-free shop per sigarette, alcolici e profumi negli aeroporti, nei porti e nelle stazioni ferroviarie del Regno Unito. Quella che viene definita “hard Brexit”, e che diventa di settimana in settimana un rischio probabile, comporterebbe anche l’uscita della Gran Bretagna da forme di mercato comune con l’ue, facendone a tutti gli effetti un paese terzo. Un ritorno al passato: fino agli anni novanta del secolo scorso, gli acquisti ai duty-free erano una consuetudine per i fumatori.

L'articolo SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 6 al 12 ottobre proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...