Jump to content
TTTommm

Spica pro

Recommended Posts

Resa aromatica ultrasecca, e come tutti gli atom che seccano in maniera estrema lavora per sottrazione e tende a tagliare alcune note dei tabacchi. Però le note che fa passare sono piene e potenti, scure e affumicate, e ti travolge con una valanga di aroma. E' un atom estremo, astenersi chi cerca equilibrio e svapo contemplativo. Comunque a differenza di altri atom che seccano come il FeV VS o il 900, la resa aromatica è piena e potente. Una versione in tank del Karma, che come quest'ultimo lavora bene sui tabacchi singoli, e soprattutto i fire cured.

La campana regolabile fa molta differenza sia sull'hit che sulla resa aromatica: alzando completamente la campana l'hit aumenta a scapito della resa aromatica che si fa meno scura e verte su una secchezza più neutra. Con la campana completamente alzata diventa simile al FeV VS. Abbassando la campana l'aroma si riempie e si inscurisce, diventando tenebroso, ma l'hit cala considerevolmente. Se nell'intenzione del modder c'era quella di variare la campana per renderlo versatile ha fallito, a qualunque altezza si mette la campana rimane comunque un atom estremo non adatto a separare le componenti dei blend e degli aromatizzati, quest'atom funziona bene coi singoli e la regolazione della campana serve solo a scegliere la pienezza e la potenza della resa aromatica e dell'hit.

Anche con la campana completamente aperta non sono riuscito a tirare fuori niente di buono dal Mixture N°1 e dal 70° Anniversario, che risultavano impastati, generalmente secchi e le speziature e barricature non sono state pervenute. Col Kentucky e col Basma ha tirato fuori un aroma mostruoso e da top della gamma, tagliando via le note fienose ed acidule e travolgendomi con note scure, affumicate e legnose. Una vera apoteosi.

E' un atom molto contrastato, ma col pin a sette foglie vorrebbe diventare arioso senza riuscirci, e si perde l'aroma. Col pin a tre foglie si fa fatica a tirare, il pin a cinque foglie è l'unico che funziona correttamente, a quel punto si può andare dal chiusissimo con un solo foro dell'aria al mediamente chiuso con due-tre fori e all'mtl ariosetto con tutta la ghiera aperta.

Dal punto di vista costruttivo le rifiniture sono di primo livello, ma il progetto presenta una montagna di difetti odiosi che richiederebbero che l'atom venga completamente riprogettato:

1) è composto da un puzzle intricato di pezzi che mal si incastrano l'uno con l'altro. Smontarlo è un enigma e per togliere il vetro sono stato costretto ad immergerlo in acqua calda.

2) la regolazione del liquido funziona bene nell'alimentare la coil, ma le due campane scorrono a fatica l'una dentro l'altra, ed ho dovuto mettere del burro di cacao fra di esse per rendere la scorrevolezza decente.

3) per regolare l'afflusso del liquido si è costretti ad usare il drip tip in dotazione, che usa due piccoli pin in acciaio che sforzano su uno scasso microscopico. Cambiando drip tip l'atom diventa inutilizzabile e se si rompe l'originale l'atom è inutilizzabile.

4) manca un fine corsa nella regolazione della campana verso il basso, rischiando di far cadere la campana contro la coil e generare corto-circuiti. Da usare con molta cautela in meccanico.

5) il top cap si svita con molta difficoltà, anche se ha una specie di lavorazione a raggiera è molto difficile fare presa perchè ha un profilo bassissimo.

6) le viti del deck sono ridicole, hanno dimensioni ridottissime, un normale cacciavite a croce rischia di spanarle, non fanno presa bene sui fili. Ricorda molto il Pallas prima batch sotto questo aspetto. Mi chiedo a cosa stesse pensando il modder quando ha deciso di usare queste viti, un difetto da principianti inammissibile nel 2018 con tutta la storia e la cultura degli atom che si è venuta a creare. Davvero imbarazzante.

7) il sistema dei pin a foglia è scomodo ed inutile, anche se si possono cambiare ad atom carico il sistema è macchinoso, a rischio gocciolamenti, e ad ogni pin cambiato si rischia di sballare le letture della resistenza.

Tutti questi difetti e queste macchinosità sono inorridite dal fatto che il modder non renda disponibili pezzi di ricambio. L'impressione è: goditelo finchè dura.

Nonostante tutta questa montagna di difetti da modder principiante, mi inchino di fronte alla resa aromatica mostruosa di quest'atom coi fire cured ed i tabacchi singoli in generale, e non posso fare altro di consigliarlo assolutamente a tutti gli amanti di questi aromi e del secco. Forse un'altro tank così performante con suddetti tabacchi non esiste.

HELIX KIT

Campana non regolabile, di volume più o meno corrispondente al quella dello Spica ribassato quasi del tutto. Campana internamente ricoperta in PEI, speriamo non si sciolga.

Resa aromatica molto meno secca e considerevolmente più morbida e dolce, hit diminuito. Speravo avesse la stessa resa dello Spica normale con campana ribassata, ma invece l'atomizzatore perde la sua caratteristica secchezza, oscurità e cattiveria e diventa un normale atom high end, che anzi tende a tirare fuori le noti un po' dolcine, almeno del Basma che sto provando.

Insomma col Basma rende davvero peggio che il fratellone. Da vedere se con dei blend riesce ad aumentare un po' la definizione, ma sicuramente snatura l'atom e deluderà tutti quelli che lo apprezzano per la sua estrema secchezza. Visti i volumi quasi identici, credo che il rivestimento in PEI sia il responsabile della morbidezza del tiro.

Sulla carta costa 65 euro, ma con tasse e spedizione UPS alla fine il conto è stato 95 euro, come un nuovo atom di fascia alta.

A livello costruttivo è realizzato molto bene, non c'è bisogno di tip proprietario e l'atom ha un altezza quasi dimezzata. Speravo che fosse una soluzione meramente estetica che mi portasse ad avere un atom più piccolo, meno macchinoso e con resa simile al Pro con campana ribassata, ma invece mi trovo a svapare un basma zuccheroso con poco hit.

Quindi non posso che sconsigliarlo, sia per la resa aromatica sia per il prezzo.

Pin Spica Pro di Morici

Fondamentalmente è un pin senza foglie, che però lascia uno spazio ridotto rispetto a semplicemente fresare via le foglie di uno dei pin originali.

Il tiro è un po' più aperto del sette foglie, ma rimane cmq un mtl puro molto chiuso. Il tiro diventa più fluido lineare e silenzioso, senza quelle turbolenze e quel contrasto estremo che ho sempre notato coi pin originali. E' davvero un tiro liscio e gradevole.

Purtroppo però, sul versante della resa aromatica, l'atom pur rimanendo secchissimo, perde quella brutalità che lo contraddistingue e diventa un filo più rotondo, e anche più "normale". Insomma il pin di morici rende l'atomizzatore raffinato, secco e rotondo come ce ne sono altri in giro, e gli fa perdere quelle caratteristiche estreme che lo rendono unico, brutale, cattivo, oscuro.

E' proprio vero che il diavolo sta nei dettagli, e sembra che qualsiasi cosa tu vada a variare di una virgola su quest'atom, gli faccia perdere le caratteristiche che lo rendono unico, vedasi anche Helix Kit che lo trasforma in un atom da cremine.

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...