Jump to content

Quanto ne sanno i parlamentari europei di sigarette elettroniche?


Recommended Posts

parlamento-europeo.jpg

Presto il parlamento europeo sarà chiamato a esprimersi e rivedere la direttiva sui tabacchi e prodotti liquidi da inalazione (Tpd3). Dovrà riscrivere cioè le nuove disposizioni che dovranno essere applicate nel commercio e la produzione di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione. La spada di Damocle che pende sulla testa di milioni di consumatori e decine di migliaia di operatori è il cosiddetto flavor-ban, ovvero la possibilità che il legislatore disponda il diviero di commercializzaizone di liquidi contenenti aromi diversi dal tabacco.
Ma quanto ne sanno i parlamentari europei della materia su cui sono chiamati ad esprimersi e regolamentare? È la domanda a cui ha voluto rispondere una indagine promossa da EcigIntelligence, società di analisi e scenari regolatori, coinvolgendo proprio gli eurodeputati. Sono stati contattati tutti i 705 componenti dell’assise. E qui la prima nota dolente: a rispondere sono stati soltanto in 32, il 5% per cento del totale. C’è però da dire anche che, tra i rispondenti, la maggior parte (65%) ha dichiarato di conoscere i dispositivi elettronici per la vaporizzazione della nicotina e tra questi tre su quattro sanno che hanno una percentuale di rischio molto ridotta rispetto al fumo tradizionale.
Interessante il punto di vista espresso nelle risposte alla domanda “Come dovrebbero essere regolati i prodotti del vaping?”. Circa il 70% degli eurodeputati ritiene che dovrebbe essere consentita la vendita online di sigarette elettroniche e liquidi anche con nicotina; quasi la metà degli eurodeputati ritiene che le regole sulla pubblicità dovrebbe essere uguali a quelle del tabacco tradizionale; soltanto un circa un terzo degli eurodeputati ritiene che i liquidi arromatizzati e i sapori diverrsi dal tabacco dovrebbero essere regolamentati in maniera meno rigorosa rispetto al fumo. E questa è una sorpresa, perché significa che anche la maggioranza di coloro che conoscono la funzione e la potenzialità della sigaretta elettronica vorrebbe vietare gli aromi nei liquidi. Un dato che dovrebbe sin da subito mettere in movimento e in allarme i gruppi di pressione, le associazioni e gli attivisti del vaping e che ribadisce quanto sia alto il rischio che il flavor-ban possa essere inserito nella Tpd3 se non si interviene in tempo.

474x95_sigmagazine_tutti-brand-2020.jpg

L'articolo Quanto ne sanno i parlamentari europei di sigarette elettroniche? proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi è Online

    No members to show

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.