Jump to content

Passo indietro della Svizzera sul divieto di pubblicità del tabacco


Recommended Posts

pubblicità-svizzera.jpg

Nel confronto europeo la Svizzera è uno dei Paesi più liberali sul fronte del tabagismo. E forse non a caso fa un passo indietro sulla richiesta di riforma restrittiva in materia pubblicitaria dei prodotti del tabacco, sigarette elettroniche comprese, proposta dall’iniziativa popolare “Fanciulli e adolescenti senza pubblicità per il tabacco”. Il testo, se approvato, avrebbe introdotto un diveto assulto di pubblicità dei prodotti del tabacco, in ogni forma e su ogni mezzo di comunicazione. Il Consiglio nazionale ha optato invece per una normativa più soft, demandando quindi eventuali interventi in fase di discussione del disegno di legge governativo attualmente fermo in parlamento.
L’iniziativa era stata sottoscritta da 109’969 persone e chiedeva di vietare ogni forma di pubblicità del tabacco che potesse raggiungere bambini e giovani: sulla stampa, Internet, sui manifesti, nei cinema e nei punti vendita. Sarebbe stata vietata anche la sponsorizzazione di eventi e le sigarette elettroniche sarebbero state regolamentate come quelle tradizionali.
Il disegno di legge sul tabacco in procinto di discussione in parlamento dovrebbe consentire alla Svizzera di sottoscrivere una convenzione dell’Organizzazione mondiale della sanità. Prevede, tra le altre cose, il divieto di consegna ai minorenni su scala nazionale di pacchi contenenti tabacco o sigarette elettroniche. In parole povere, verrà fatto divieto ai ragazzini di acquistare online e tramite posta e a distanza. Uno dei punti più controversi rimane però la pubblicità e la promozione delle sigarette, attualmente vietata solo in radio e alla televisione. I legislatori avrebbero deciso di estenderlo soltanto ai giornali e ai siti web che hanno i minori come loro target di lettori.
Inoltre, la pubblicità sarebbe in gran parte vietata nei cinema e negli spazi pubblici, così come sui manifesti o cartelloni se visibili su suolo pubblico.

474x95_sigmagazine_tutti-brand-2020.jpg

L'articolo Passo indietro della Svizzera sul divieto di pubblicità del tabacco proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.