Jump to content

Sigarette elettroniche, open hearing ADM: ennesima occasione sprecata


Recommended Posts

minenna.jpg

Avrebbe potuto e dovuto essere un incontro di chiarimento, in cui l’Agenzia delle Dogane e Monopoli avrebbe potuto fornire spiegazioni e porre fine ai molti dubbi che ancora assillano gli operatori del comparto della sigaretta elettronica. La Legge di bilancio, come è noto, ha demandato al direttore Marcello Minenna la riscrittura delle regole e delle modalità di immissione sul mercato dei prodotti liquidi da inalazione. Le nuove disposizioni sono probabilmente già pronte ma rimangono ben custodite in un cassetto di piazza Mastai. L’occasione di oggi poteva essere quindi un momento importante di chiarimento, di confronto e di ragguagli. E invece, per la terza volta in un mese, l’Agenzia si è limitata riportare sul cahier de doléances gli interventi di produttori e negozianti. Non fornendo risposte ai tanti dubbi legittimi che sono state posti dai partecipanti: tutte le associazioni della filiera del vaping e del tabacco, tutte le multinazionali, molti commercianti in rappresentanza della loro attività.
Schermata-2021-02-05-alle-10.21.20.pngDubbi condivisi praticamente da tutti: riserve sulla data del primo aprile come giorno d’inizio della fascettatura dei liquidi, riserve sul periodo di smaltimento delle scorte; riserve sulla modalità di vendita di liquidi all’estero; riserve sulla reale possibilità di bloccare il contrabbando; riserve sui prodotti che rimarranno esclusi dalla prevalenza. Questioni prioritarie che però, ancora una volta, rimangono senza risposta.
Perfino l’unica novità descritta dal direttore Minenna è riuscita a suscitare le perplessità della filiera. I contrassegni da apporre sulla scatola o sul flacone potranno essere di tre colori: blu per i prodotti con nicotina; verde per i prodotti senza nicotina; rosso per i prodotti destinati all’estero. Ma, visto che l’Italia non è l’unico Paese che ha deciso di fascettare i liquidi, come potranno essere applicate due differenti contrassegni? E lo Stato estero potrebbe inoltre considerare il simbolo italiano una sorta di contraffazione dell’etichettatura?
Ad ogni buon conto, anche questa volta l’Agenzia ha comunicato “aver preso nota e di riservarsi di rispondere“. Insomma, in circa 40 minuti di riunione – anzi, per meglio dire di ascolto, i rappresentanti della filiera della sigaretta elettronica non hanno ottenuto alcuna risposta. Anzi, sono usciti con addirittura qualche dubbio in più. Il primo aprile, intanto, è sempre più vicino.

474x95_sigmagazine_tutti-brand-2020.jpg

L'articolo Sigarette elettroniche, open hearing ADM: ennesima occasione sprecata proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi è Online

    No members to show

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.