Jump to content

Diffusione covid-19: non servono precauzioni speciali per l’uso dell’e-cig


Recommended Posts

vaper-old.jpg

L’uso della sigaretta elettronica può diffondere il virus responsabile del covid-19? È una domanda che ci si pone dall’inizio della pandemia e alla quale sono state date finora risposte improntate principalmente al buon senso. Finalmente arriva uno studio che si occupa della questione con criteri scientifici e che può rasserenare tutti i vaper. Il lavoro è disponibile su MedRxiv in preprint, quindi non ancora sottoposto al processo di peer review, e si intitola “Aerial transmission of Sars-cov-2 virus (and pathogens in general) through environmental e-cigarette aerosol”. A firmarlo sono Roberto A. Sussman dell’Istituto di scienze nucleari della Universidad Nacional Autonoma de Mexico, la neozelandese Eliana Golberstein di Myriad Pharmaceuticals Limited e Riccardo Polosa del Centro di eccellenza per l’accelerazione della riduzione del danno (CoEhar) dell’Università di Catania.
coronavirus-microscopio-300x184.jpgI ricercatori, dunque, “hanno esaminato – si legge nello studio – la plausibilità, la portata e i rischi della trasmissione aerea di agenti patogeni (incluso il sars-cov-2) attraverso le goccioline respiratorie trasportate dall’esalazione di areosol di sigaretta elettronica”. In pratica, hanno valutato se e quanto, in un ambiente chiuso, un vaper infetto possa contagiare altre persone usando l’e-cigarette. Gli autori hanno modellato il flusso dell’aerosol espirato come “un getto turbolento e intermittente che evolve in uno sbuffo instabile”, identificando due tipologie di utilizzo. Quella a bassa intensità (praticata dall’80-90% degli utilizzatori), che si stima emetta 2-230 goccioline respiratorie submicroniche per esalazione a una distanza orizzontare diffusa di 1-2 metri; e una modalità intensa che potrebbe diffondere fino a 1000 goccioline per espirazione a una distanza di oltre 2 metri.
mascherina-300x194.jpgI risultati sono i seguenti: rispetto al caso di controllo, definito dalla respirazione a riposo senza svapare, il rischio per terze persone esposte alle espirazioni di un vaper infetto aumenta dell’1% in caso di svapo a bassa intensità in un ambiente interno (come a casa o al ristorante). In caso di svapo ad alta intensità, il rischio aumenta fra il 5 e il 17%. Per mettere nel contesto questo rischio, lo studio fornisce dei paragoni: nello stesso scenario, parlare per 6 minuti in un’ora aumenta il rischio di contagio del 44%, che diventa il 90% se si parla per 20 minuti. Tossire 30 volte negli stessi 60 minuti, invece, fa crescere il rischio del 260%. Lo studio si occupa anche delle proprietà disinfettanti del glicole propilenico e della glicerina vegetale, testate su vari agenti patogeni (soprattutto batteri), concludendo che “è improbabile che le proprietà disinfettanti dei glicoli agiscano in modo efficiente su agenti patogeni trasportati dalle esalazioni della sigaretta elettronica in condizioni realistiche”.
Dunque l’uso della sigaretta elettronica in spazi sociali, secondo gli autori di questo studio, aumenta il rischio di contagio in maniera minima e “per quanto riguarda la protezione dal sars-cov-2 non necessita di interventi speciali, oltre a quelli già consigliati per la popolazione generale: distanziamento sociale e uso di mascherine di protezione”. Naturalmente i ricercatori consigliano comunque agli svapatori di essere consapevoli delle preoccupazioni dei terzi, suggerendo di utilizzare dispositivi a bassa potenza quando ci si trova in contesti sociali. “I vaper tuttavia – concludono gli autori – meritano la stessa sensibilità, cortesia e tolleranza”.

474x95_sigmagazine_tutti-brand-2020.jpg

L'articolo Diffusione covid-19: non servono precauzioni speciali per l’uso dell’e-cig proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Amministratore ha scritto:

oltre a quelli già consigliati per la popolazione generale: distanziamento sociale e uso di mascherine di protezione”.

Salve

avrei messo in evidenza questo nel titolo. D'accordo che siamo di parte ma si tratta di responsabilità nei confronti del nostro prossimo. Tutta la ricerca conferma un rischio benché minimo, ma sono certa che una minima percentuale di lettori è stato pronta a capire che non c'è alcun rischio come capì a modo suo il clinicamente di Zangrillo.

Personalmente quando espiro il vapore lo faccio verso il basso ben distante dal mio interlocutore. Arieggio gli ambienti dove lavoro e vivo  e svapo con regolarità durante il giorno, prevedendo chi potrebbe entrare.

Non prestate mai il vostro PV per far provare un aroma o quanto bene funziona, mantenete coperti i drip tip e igienizzateli ogni giorno, magari più volte al giorno.

Proteggete voi stessi e gli altri altrimenti non ci rialzeremo più da questa pandemia.

:12_slight_smile:

Edited by Renata1
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi è Online

    No members to show

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.