Jump to content

Alcase Italia: i malati di cancro al polmone hanno diritto a maggiori tutele


Recommended Posts

pag-8-9-1.jpg

Proprio a novembre, il mese mondiale dedicato al cancro al polmone in cui si concentrano gli sforzi volti ad informare l’opinione pubblica, tutto sembra reso invisibile dal covid. È questo il grido d’allarme della professoressa Deanna Gatta, presidente della sezione italiana di Alliance for Lung Cancer Advocay Support and Education (Alcase), giunto alla nostra redazione tramite un comunicato stampa. L’associazione denuncia l’aumento di “segnalazioni di pazienti a cui si nega l’accesso ai reparti, invitandoli a passare dal pronto soccorso, o che vengono invitati a recarsi dal loro medico di base oppure ancora a cui vengono rifiutati gli esami strumentali necessari per la prosecuzione delle terapie o dei periodici controlli”. Un tema, quello della gestione dei malati oncologici in periodo pandemico, che è ormai all’ordine del giorno.
Tutta la popolazione è preoccupata e tutto il personale sanitario è sottoposto a logoranti turni di lavoro in condizioni sicuramente stressanti – conclude Gatta – ma occorre ricordare che, poiché i malati di cancro (e del polmone in particolare) sono persone che già godono di una qualità di vita inferiore a quella di un cittadino sano, proprio questi cittadini hanno il diritto di essere maggiormente tutelati”.

Ecco il testo integrale del comunicato stampa:

Schermata-2020-11-06-alle-17.10.22.pngÈ novembre, il mese mondiale dedicato al cancro del polmone, il mese in cui si concentrano gli sforzi volti ad informare l’opinione pubblica su un tumore che rimane ancora oggi inteso come “incurabile” e che, invece, grazie ai recenti progressi della biologia molecolare, alla produzione di nuovi farmaci mirati a specifici bersagli molecolari e alla nuova immunoterapia, è sempre più curabile.
Ebbene, proprio nel mese in cui si chiede a tutti, personale sanitario compreso, empatia, solidarietà, supporto psicologico e stessi trattamenti di qualità per i malati di cancro al polmone, tutto sembra reso invisibile dalla emergenza pandemica. Negli ospedali, nei centri di prenotazione, negli ambulatori, si vede solo il Covid 19.
E così aumentano giorno dopo giorno le segnalazioni di pazienti a cui si nega l’accesso ai reparti, invitandoli a passare dal pronto soccorso, o che vengono invitati a recarsi dal loro medico di base oppure ancora a cui vengono rifiutati gli esami strumentali necessari per la prosecuzione delle terapie o dei periodici controlli.
Tutti si sono dimenticati che l’11 marzo scorso il Ministero ha emanato delle raccomandazioni per la gestione dei pazienti oncologici ed onco-ematologici, in corso di emergenza da COVID-19, che chiedevano:
– di identificare e applicare quanto più rapidamente possibile le modalità necessarie a garantire i trattamenti oncologici necessari ai pazienti residenti nelle “aree rosse”, al fine di assicurare il principio di intensità di dose, in modo che non venga negativamente influenzata la prognosi della patologia in trattamento;
– alle strutture sanitarie presenti nel Paese di identificare e istituire percorsi e spazi (es. sale di attesa) dedicati ai pazienti in oggetto;
– di porre particolare attenzione ai pazienti sottoposti a trattamento chirurgico per tumori a localizzazione polmonare, con trattamento che abbia comportato un sacrificio parziale o totale di parenchima polmonare.
Si è anche dimenticato che in data 4 aprile 2020 il ministero aveva emanato una direttiva a tutti gli organi centrali e periferici della pubblica amministrazione e agli ordini delle professioni collegate alla sanità, che prevedeva che il cosiddetto “tampone” venisse eseguito a tutte le persone che presentassero sintomi da Coronavirus, con priorità per le persone a rischio di sviluppare una forma severa della malattia come le persone anziane e quelle con altre morbidità quali malattie polmonari, tumori…
Tutta la popolazione è preoccupata e tutto il personale sanitario è sottoposto a logoranti turni di lavoro in condizioni sicuramente stressanti, ma occorre ricordare che, poiché i malati di cancro (e del polmone in particolare) sono persone che già godono di una qualità di vita inferiore a quella di un cittadino sano, proprio questi cittadini hanno il diritto di essere maggiormente tutelati.

474x95_sigmagazine_tutti-brand-2020.jpg

L'articolo Alcase Italia: i malati di cancro al polmone hanno diritto a maggiori tutele proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.