Jump to content

Sigarette elettroniche, quando la realtà smentisce la narrazione mediatica


Recommended Posts

vaper-britannico.jpg

Puntuale come ogni anno, il Consumer Choice Center ha pubblicato l’indice sul vaping degli Stati Uniti, la particolare classifica degli Stati in relazione alla normativa applicata alle sigarette elettroniche. Per giudicare il comportamento di ogni Stato si è creato un sistema di punteggio ponderato in modo univoco che analizza le eventuali restrizioni introdotte rispetto alla normativa federale e della Food and Drug Administration: divieto di aromi caratterizzanti, tasse e la possibilità di vendere prodotti online.
Soltanto 6 Stati hanno ottenuto il minimo dei voti: California, New Jersey, Massachusetts, Rhode Island, New York, Illinois. Una percentuale dunque risibile che però sui giornali di tutto il mondo tende a essere presa modello e generalizzata per tutti gli Usa. Leggendo le cronache quotidiane, parrebbe infatti che gli interi Stati Uniti siano soggetti a restrizioni e divieti pressoché totale. E invece l’indice di CCC ha finalmente messo nero su bianco la reale entità del fenomeno: poco più del 10 per cento degli Stati adottano provvedimenti restrittivi. Sono invece ben 24 (circa il 50 per cento) gli Stati che non hanno alcuna limitazione nella vendita, non hanno tasse aggiuntive, non impediscono l’utilizzo di aromi all’interno delle miscele nicotinizzate. I rimanenti 20 Stati applicano tasse esigue e regolamentano la vendita online dei prodotti, soprattutto quelli contenenti nicotina.
La California e New York, però, rappresentano anche a livello mediatico la guida culturale degli Stati Uniti, venendo spesso presi a modello come se fossero lo specchio del Paese. In realtà la rappresentazione mediatica non rispecchia affatto la situazione reale nel Paese, che è invece composta dalle decine di Stati interni, quelli cioé dove vive la “gente normale” che non frequenta i salotti newyorkesi o le serate californiane. Si potrebbe spiegare anche in questo modo il dietrofront di Trump dell’anno scorso: probabilmente ha percepito che a volere il ban del vaping sia solo una sparuta minoranza, figlia di un sempre più dilagante pseudo-perbenismo del nostro tempo. quella cioé maggiormente ideologica, che non cambierebbe opinione neppure di fronte l’evidenza.
Nella cartina, gli Stati in verde sono quelli libertari nel confronti del vaping, in giallo quelli che hanno leggeri vincoli, in rosso quelli che vietano parzialmente o del tutto l’utilizzo o la distribuzione della sigaretta elettronica.
Schermata-2020-10-05-alle-12.01.41.png

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Sigarette elettroniche, quando la realtà smentisce la narrazione mediatica proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.