Jump to content

Australia, l’iter non si ferma: sigaretta elettronica solo con prescrizione


Recommended Posts

vaper-australiani.jpg

Sarebbe dovuto entrare in vigore lo scorso 1° luglio l’obbligo di prescrizione medica per l’importazione di liquidi per sigaretta elettronica in Australia, annunciato dal Ministro della salute Greg Hunt a metà giugno. Poi il polverone alzato dalle associazioni per la riduzione del danno da fumo e da non pochi parlamentari della sua stessa maggioranza, hanno convinto il ministro a rimandare l’attuazione del provvedimento. Ma non a giungere a più miti consigli.
generica-ecig-liquidi-300x208.jpgA dimostrazione che l’iter è tutt’altro che interrotto, arriva oggi una decisione ad interim della Therapeutic Goods Administration (Tga), l’agenzia regolatrice del farmaco australiana, per emendare il Poisons Standard, il documento che classifica medicine e veleni. La modifica proposta prevede che le sigarette elettroniche diventino farmaci importabili solo con ricetta medica ed è ora aperta alla consultazione fino al 6 novembre prossimo. La decisione finale è invece attesa per la fine dell’anno. Ma attenzione, stiamo parlando di importazione, non di semplice acquisto e questo fa una bella differenza, visto che in Australia non si possono vendere liquidi con nicotina.
La procedura alla quale dovranno sottoporsi i consumatori sarà, infatti, la seguente. Il vaper dovrà recarsi dal medico; questo valuterà il paziente e deciderà se prescrivergli la sigaretta elettronica o un’altra alternativa; se avrà scelto l’e-cig, il dottore formulerà la richiesta online alla Tga; questa deciderà se approvare la richiesta; in caso positivo, finalmente il consumatore potrà tornare dal medico e avere la sua ricetta. Ora ha due scelte: ordinare online il suo prodotto con nicotina dall’estero (forniture per non più di tre mesi) – sempre che questa opzione rimanga in vigore – oppure andare in farmacia e incaricare il farmacista di procurargli i prodotti.
Insomma, un percorso complesso e medicalizzato che sembra fatto apposta per seminare ostacoli sulla via del consumatore. E che, secondo l’Australian Tobacco Harm Reduction Association (Athra) “scoraggerà molti fumatori dal passare al vaping, mentre il mercato nero continuerà a prosperare”. Secondo Athra, l’agenzia del farmaco ha perso la grande opportunità di regolamentare i prodotti del vaping. “I consumatori australiani – commentano – meritano standard per la produzione e per la sicurezza, standard sull’etichettatura, avvertenze di sicurezza e flaconi anti-bambino. Non è stata presa nessuna misura per risolvere questi problemi”. I vaper australiani sono pronti a combattere, come ormai fanno da anni; le associazioni invitano a partecipare alla consultazione della Tga, fornendo la propria opinione, e a contattare i rappresentanti politici, spiegando gli effetti dell’introduzione di questa nuova limitazione.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Australia, l’iter non si ferma: sigaretta elettronica solo con prescrizione proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.