Jump to content

I mix di liquidi creano nuovi composti tossici???


Recommended Posts

Ormai la maggior parte di noi che è in questo hobby da anni ci ha fatto il callo al solito studio che viene fuori da studenti di medicina in cerca di sponsorizzazzioni che copiano incollano da Google Schola ricerche del 2013, o da scienziati in cerca di fondi, da scienziati che i fondi che ce li hanno, eccome se ce li hanno notizie scritte dai fanatici dei gruppi anti-fumo degli anni 80 in cerca di fondi e notorietà (che avevano perso dopo l'MSA e chi li sentiva più dopo che hanno ricevuto soldi.. e stati zittiti, oggi hanno ripreso vigoore e sono diventati anti vaping-Fumo.

Comunque tornando a noi ecco la solita ricerca che un mio amico, Giuliano ha postato in un gruppo telegram:

https://trendswide.com/chemicals-in-e-cigarettes-mix-to-form-entirely-new-combinations-that-are-toxic-to-lung-cells/

Non la commento perchè è ridicola, piena di inesattezze, infondata, hanno usato polmoni meccanici ecc. ecc. con tanti grafici che finisce con:

"Our study identifies the toxic aldehyde acrolein as a key mediator of the observed adverse vascular consequences. Thus, e-cigarettes have the potential to induce marked adverse cardiovascular, pulmonary, and cerebrovascular consequences.

"Il nostro studio identifica l'aldeide e l'acroleina tossica e un mediatore chiave delle conseguenze vascolari avverse osservate (ma va? logico hanno preso studi del 2013 e 2014.. sapete quello dei topi ecc.) . Pertanto, le sigarette elettroniche hanno il potenziale di indurre marcate conseguenze cardiovascolari, polmonari e cerebrovascolari. cioè: Fuffa, ma puntualmente parte il copia incolla traduci a caso, della nostra cara testata anti- vaping italiana in cerca di titoloni: La Repubblica,  ed ecco il risultato:

https://www-repubblica-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2020/09/03/news/dal_mix_di_solventi_e_aromatizzanti_nelle_sigarette_elettroniche_nuovi_composti_tossici_per_cuore_e_polmoni_-266083115/amp/?usqp=mq331AQFKAGwASA%3D&amp_js_v=0.1#referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da %1%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.repubblica.it%2Fsalute%2Fmedicina-e-ricerca%2F2020%2F09%2F03%2Fnews%2Fdal_mix_di_solventi_e_aromatizzanti_nelle_sigarette_elettroniche_nuovi_composti_tossici_per_cuore_e_polmoni_-266083115%2F

Ma non voglio semplicemente farvi adirare per queste cose che sappiamo, abbiamo già visto, ne parlato e discusso fino alla nausea, certamente bisogna fare attenzione e valutare ogni singolo studio, anche contro il vaping e valutarne la serietà, anche da parte mia in quanto mixer, devo essere sempre aggiornato su tutti gli studi che riguardano i liquidi e la loro potenziale pericolosità è normale (Sì nlo studio me lo sono leto tutto e sono andato a vedere tutti i collegamenti esterni, loro sono bravissimi in questo e da là capisci che o è fuffa o è vecchio o test fatti a favore)

Ma voglio lasciarvi un lieto fine e alleggerirvi dopo questa lettura vergognosa e darvi con una chicca pubblicata su Pubmed (non un giornale di gossip che fa titoloni, anche se certe pubblicazioni.. beh lasciamo stare.) Il titolo di questo studio è:

Il potenziale impatto della sigaretta elettronica allo sbarramento del fumo di sigaretta. Un proiettile magico?

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32823272/

vi traduco direttamente i risultati senza tutta la pappardella

Risultati: la combinazione di ipotesi produce 360 possibili scenari. 357 (99%) forniscono stime positive degli anni di vita risparmiati (LYS) grazie allo svapo entro il 2100, da 143.000 a 65 milioni.

La maggior parte degli scenari porta a milioni di persone che smettono di fumare a causa dello svapo.

In media, chi smette di fumare guadagna 1,2-2,0 anni di vita in più rispetto ai fumatori che smettono senza svapare. L'impatto dello svapo è maggiore quando aiuta maggiormente i fumatori che altrimenti avrebbero maggiori difficoltà a smettere di fumare.

Sebbene il numero di LYS sia generalmente elevato in tutti gli scenari, spesso rappresenta una piccola frazione del pedaggio da pagare sul costo del fumo.

Bon, basta.. fatemi sapere i vostri pensieri, anzi no, li so già!

Proabilmente vedrete questo scritto anche su altri "magazine" ma dopo di noi...:4_joy:

 

 

Link to post
Share on other sites

Salve

Leggevo la Repubblica sin da adolescente, quando le mie coetanee compravano fotoromanzi, io acquistavo quel giornale con l'approvazione di mia madre che credeva tutti i soldi spessi in cultura, nella fattispecie abituarmi a leggere i quotidiani, fossero ben spesi. Non per quello che scrive dello svapo ho smesso di leggerla però questa sciatteria di informazione che ravvedo ormai costante nelle sue edizioni,  mi convincono ancor di più della mia decisione; però che peccato! Tuttavia Repubblica è una matrona dell'informazione, adesso poi non ne parliamo, e a smentirla si ha un bel daffare, perciò grazie tantissime @Frank-Iv3shf di questo intervento che meriterebbe di essere un articolo per la Repubblica dei miei tempi.

Come disse un ricercatore inglese che ho citato migliaia di volte, però ora mi sono scordata il nome: privare i fumatori della possibilità di smettere, anche avvalendosi della ecig è criminale.

Tutti i vaper, però, come ho già scritto altrove, devono essere consapevoli che il vapore non è aria fresca e dovrebbe essere un giorno abbandonato; oppure, come comune nelle cose umane, si può mettere su una bilancia la devastazione del tabacco combusto con la infinitamente minore tossicità della svapo e scegliere. Ma scegliere non è facile nè comodo: meglio che qualcuno scelga per te.

 :12_slight_smile:

 

Edited by Renata1
Link to post
Share on other sites

Ma non è solo La Repubblica a farlo, ma anche uno che era tra i mie "nuovi preferiti" (Il Fatto) ma anche tante altre testate , dove il "Copia/Traduci/incolla" è la maniera più veloce per diventare un articolista, si riempiono pagine sul Web con titoloni "esca" vedi:click bait per fare visualizzazioni.

Le 5W non sanno manco cosa sono e documentarsi non è basilare, l'importante è tradurre per primi qualsiasi notizia e spedirla in redazione, cinese indiana o americana (I preferiti: Un ultimo studio americano dice che.... ecc ecc) vera o falsa che sia, non importa.

Sappiamo tutti che lo svapo è una riduzione del danno, sia esso 20, 30 o 95% indifferente quanto, non è aria fresca e il danno c'è, come c'è anche tanta ignoranza e menefreghismo, io studio le interazioni e le composizioni degli aromi ogni giorno (adesso che sono pensionato ancora peggio vista la mia curiosità infinita), ogni giorno scopro che non c'è mai una fine.

Ve ne dico solo una di oggi così al volo, visto che ne parlavo nel post del sigaro Toscano: L'Acido Mallico (Chemnovatic per dirne una che lo fa per i produttori), o il Sour (AM al 20% di diluzione) della TPA, sapete che se usato con coil NI-Cr è cancerogeno?

A questo punto la domanda sorge spontanea, in quanti liquidi a scaffale dentro c'è il Sour o AM??? E quanti lo usano inconsapevolmente con coil NI-Cr? Magari è una stupidaggine e tanti diranno non si usa più l'Ni-Cr, io non uso NI ecc ecc siamo bravissimi a nasconderci le cose e crearci scuse, ma quanti di voi lo sapevano?

Ogni giorno si scoprono novità in questo campo, non meravigliamoci, ne sappiamo tante (quelle dell'articolo è roba vecchissima che ogni mixer sa, non fà neanche più testo e gli aromi non si fanno più così già da qualche anno) , ma non ne sappiamo tante altre. 

Meditate gente, meditate.. Non sappiamo un bel niente di questo campo, credetemi, e io sono un bel nessuno, forse un mixer medio, ma tutti noi continuiamo ad esplorare e imparare.

 

Link to post
Share on other sites

Ciao @Frank-Iv3shf

aggiungo che lo fanno anche, e in certe occasioni l'ho evidenziato, testate dedicate allo svapo oppure favorevoli. Questo apre un lungo discorso sul giornalismo contemporaneo che non si ferma al copia incolla. Lo sai che i giornalisti freelance possono prendere 5 euro per un articolo? Come possiamo aspettarci che si alzi dalla sedia e vada in cerca di quel che serve per un buon articolo? 

Un giorno mi è stato commissionato un testo pagato un centesimo a parola ma, attenzione, non mi avrebbero pagato i verbi ausiliari, gli avverbi e le congiunzioni :4_joy: ti lascio immaginare cosa ho risposto.

E poi vogliamo parlare di chi legge? Quanti cliccano i link? Quanti cercano le correlazioni? Quanti almeno il significato delle parole che non conoscono? Vanno per assonanza e via!

Ecco un altro segno dei tempi: la confusione fra l'essere informati e l'essere competenti. 

Io quello che scrivi tu lo posso leggere però ho un millesimo della tua competenza, e le mille notizie che leggo sullo svapo e altri temi non fanno di me una persona competente ma solo molto informata. Nella mia ignoranza cosa posso fare? Posso ragionarci, incrociare le fonti, cercare di colmare le mie lacune: tutte cose che si insegnavano a scuola.

È una ventata impagabile di intelligenza e conoscenza leggere i tuoi interventi, ogni volta, finalmente qualcuno parla da qualche parte di quel che crediamo di sapere.

:12_slight_smile:

Edited by Renata1
Link to post
Share on other sites

Sri mitica, ogni tanto piazzi (butti lì come esca, ma abbocco felicemente) queste chicche su cui uno della mia generazione (Visto che ero uno di "Quelli" )  ci va a nozze :4_joy: 

La differenza tra l'essere informati e l'essere competenti...

Bum, parte una scheggia di questa bomba (quelle che tu metti tipo tarli, vediamo se qualcuno la capisce.. e ci pensa:4_joy: ma che sono anche il tuo modo di pensare)

L'essere competenti, cioè cos'è una competenza? Il tarlo parte immediato, tutti quelli che lo leggeranno penseranno: sono competente o sono informato?

Sicuramente la competenza è il saper utilizzare le conoscenze acquisite sia teoriche che pratiche, il saper convertire elementi più semplici verso un livello di apprendimento e di funzionamento "superiore" , cioè il saper gestire le informazioni acquisite, quindi di per sè sono un informato, "di alto livello" :4_joy::4_joy:

E qua mi fermo, ci sono discussioni inifinite sul significato di "Competente" e come sempre @Renata1 mi hai fatto ridere anche oggi, ma tanto lo sapevi già che l'avrei fatto, ormai mi conosci e sapevi che "La chicca" non sarebbe passata inosservata, anche in un contesto apparentemente innocuo...:4_joy::91_thumbsup:

Link to post
Share on other sites

Oggi mi hanno fatto notare che in una testata il Sig. Thierry Troosters ha risposto alla ricerca che ho pubblicato sopra.

Ma io mi chiedo: che scopo ha chiedere un chiarimento e che risposte vuoi che dia il signore in questione, chiaramente finanziato da Big Pharma?

Quello che dDue anni fa dichiarò che le sigarette elettroniche non sono un mezzo per ridurre il danno : 

https://www.ersnet.org/the-society/news/we-have-not-learned:-ers-leaders-respond-to-bmj-article-on-the-use-of-e-cigarettes-for-smoking-cessation-

Dove il suo interesse principale è di fare adepti alla ERS, organizzare far pagare i congressi a 99€ a persona e il cui sponsor principale è la GSK? Quella che una volta noi chiamavamo "Glaxo Smith & Kline"? E non stiamo parlando di milioni di €, bni di più..

https://erscongress.org/industry-2020/sponsorship-opportunities

Sì proprio quella, quella dei cerotti!!

Ecco allora facciamo una cosa intelligente, andiamo a chiedergli chiarimenti e anche di ritirare uno studio anti vaping, ma perchè non lo chiediamo a Stanton Glantz? 

Scusatemi, ma proprio non ce la facevo è troppo! Troppo ingenuo, troppo puerile e purtropppo, scontato...

Sfortunatamente conosco e riconosco molto bene gli squali di quel calibro.. Ci lavoravo con loro ogni giorno.

P.S. chiaramente se ritenete inopportuno questo mio post, cancellatelo.

Link to post
Share on other sites

Ciao @Frank-Iv3shf

Se posso permettermi: la competenza è indissolubilmente legata alla conoscenza che ha una sua forma più alta ancora ovvero il sapere; lo vediamo tristemente ma molto chiaramente durante questa pandemia. 

Comunque sia, la ecig non è solo una questione economica o di ricercatori ma è anche una questione politica; nel complesso mondo in cui viviamo, è pressoché impossibile procedere per compartimenti. E ancora lo vediamo chiaramente ora.

In Italia a partire dalla Vicari ne abbiamo avuto esempi eclatanti fino ai tempi più recenti. Altrove ho assistito alla ricerca del voto dei vaper nei forum; la celebre macchina del Web che si muove per raccogliere consenso elettorale oltre Facebook e compagnia cantante.

Ecco che possiamo comporre un paradigma: conoscere i problemi della ricerca e gli interessi dei ricercatori, gli aspetti economici degli Stati, le istanze delle popolazioni che generano pressioni politiche, comporre queste conoscenze con il sapere se uno lo ha  - Frank lo ha - ma se non lo possiede - come nel mio caso - controllare le fonti, confutare con altre fonti, approfondire. Certo ci vuole tempo, e per me è facile parlare perché passo tutta la mia giornata a fare questo, ma per scegliere e decidere, riconoscere l'attendibilità di una fonte, non serve poi molto e ci rimane sempre lo spazio del dubbio che non è rimandare le scelte bensì rimanere vigili e disposti ad accogliere altre informazioni da elaborare con competenza.

:12_slight_smile:

Link to post
Share on other sites

Certo che puoi permetterti, figuriamoci è così bello parlare, confrontarsi approfondire e discutere, dai che mi diverto a supportare ogni tua singola frase:

29 minutes ago, Renata1 said:

gli aspetti economici degli Stati,

Vedi: Tobacco Master Settle agreement: https://en.wikipedia.org/wiki/Tobacco_Master_Settlement_Agreement che doveva servire alla riduzione del danno alla sanità e falsità varie, sapete quanto ha speso Lo stato di New York, in sanità, riduzione del danno, campagne di controllo anti tabacco ecc.?

Ve lo dico io: ZERO e dove li hanno investiti? Ve lo dico sempre io, in: Debt Service on Securitized Funds/Budget Shortfalls,raticamente in fondi azionari (del tabacco), debiti e a tappare buchi vari!! Un bel 434,741,632 $  Adesso, secondo voi questo Stato è a favore del tabacco o contro? e tutti gli stato che ricevono cifre a 6 zeri?

 

19 minutes ago, Renata1 said:

le istanze delle popolazioni che generano pressioni politiche,

Per confermare quello che hai detto,  i gruppi di attivisti sono talmente forti che sono stati proprio loro due settimane fa a far pesare l'ago della bilancia a sfavore e far passare il flavor ban in California, adesso 40 milioni di persone (39,5 per la precisione) non possono più comprare liquidi aromatizzati in negozio.. tanti Mom and Pop (gestione familiare per i non addetti) chiuderanno!!

Ma a proposito di fonti, oggi vi voglio sollevare il morale, tanti lo sapranno già ma tanti no... quindi...

Ecco un Video del Sig, Steve Forbes, sì proprio lui quello di Forbes quello della lista dei miliardari, giornale di economia mondiale, finanza investimenti, marketing, insomma uno di quelli che "Contano"  che parla di Vaping contro Tabacco:

https://www.forbes.com/sites/steveforbes/2020/08/18/vaping-versus-tobacco-the-truth-you-need-to-know/#15a39ed3acac

Sono cose che confortano, per favore a round of applause for Mr. Forbes!!:89_clap::89_clap::89_clap::89_clap::89_clap:

Link to post
Share on other sites

Riciao @Frank-Iv3shf

a me pare che al vaping stia accadendo quello che è accaduto - lo dico sapendo di essere al limite dell'esempio appropriato - con l'energia nucleare. E credo che questo accada perché lo smontare e discutere le pseudo ricerche è lasciato per lo più a luoghi come questo forum dove possono scrivere persone molto preparate, quando lo fanno; non posso scordare un mio professore il quale diceva che chi le cose le sa, solitamente, bene che vada, le cose le dice una volta sola e anche quella con molti dubbi.

Ricordo, qualche anno fa in un altro forum, un lunghissima discussione sulla tossicità degli estratti naturali di tabacco per i quali esiste un'ampia documentazione qualora la si voglia consultare. Non è da me mettermi a discutere in un forum giacché non discuto con le persone reali, figurati se mi metto ad accapigliare con persone di cui non so nulla. Inoltre un forum per sua stessa natura induce, o dovrebbe indurre, a elaborare un'opinione o quel che sia e poi svolgerla: non è un messanger. 

Ebbene, l'utente in questione, evidentemente spaventato dalle ricerche e autoincaricatosi di illuminare le menti dei vaper, fece una serie di copia incolla e un uso inappropriato, direi incompetente, dei termini il cui significato esatto non si era preso la briga di approfondire ritenendo di saperli per deduzione, dai contesti in cui li aveva letti. Tutti noi che partecipammo, ci affannammo devo dire sempre senza mai trascendere, a smontare le approssimative informazioni che forniva.

In quel caso partecipai - eravamo ai tempi della Vicari - perché in quel delicatissimo periodo non si poteva leggere un attacco così insipiente al vaping e i suoi estratti naturali di tabacco. Ma la domanda era: dalla quantità di informazioni incomplete e fuorvianti, associate in maniera creativa, quanto materiale inconcludente aveva a disposizione e continuava a trovare? 

Non dimentichiamo che il nostro è un Paese dalla popolazione direi...molto matura, fra i quali io stessa; e dalla bassa scolarizzazione. Queste due componenti non costituiscono una popolazione vecchia e ignorante ma generano una popolazione con obbiettivi, timori, mentalità non specchio del tempo in cui viviamo e spesso impreparata a comprenderne la complessità; per esempio, il classico l'ha detto il TG, cinquant'anni fa, senza Internet ecc., la fonte di ogni verità incontrovertibile espressa in parole compresibilissime a tutti. Fra l'altro Internet viene usato male perché chi doveva insegnare a usarlo ai ragazzini, viene a sua volta dall'idea di un'unica fonte informativa. In poche parole un tempo c'era: l'ha detto il TG. Ora l'ho visto su Youtube.

Capiamo bene che manipolare l'informazione in queste condizioni è una passeggiata, dove spesso la fonte che consultiamo per non essere manipolati, che scegliamo perché libera e densa della voce di tutti - ah mi viene in mente Giovanni Sartori - è quella che mi manipola in una sorta di pialloggio della realtà e delle parole.

Bene, più OT di così non potevo andare 

:12_slight_smile:

 

 

Edited by Renata1
Link to post
Share on other sites
15 hours ago, Renata1 said:

il quale diceva che chi le cose le sa, solitamente, bene che vada, le cose le dice una volta sola e anche quella con molti dubbi.

Oddio quanto è vero, anche quando dò un consiglio o creo qualcosa, nella mia testa c'è sempre un però.. però, forse, si potrebbe anche, specialmente nel mixing, non c'è mai un unica strada!

Bello leggerti, lo so, stiamo evidenziando verità banali e forse scontate, ma purtroppo è brutto vederle applicate nella sfera a cui noi teniamo molto (Forse troppo, un pò di distaccamento non starebbe male) che si è evoluta dal basso per poi essere "mangiata e digestita" (come si diceva anni fa), dai tempi piallati dalla banalizzazione e sì anche ignoranza e pseudo competenza, tutti sanno tutto "aprendo una nuova scheda".

Non so, (come tante volte) se è stato un fatto di bassa scolarizzazione, i nostri genitori ci hanno voluto scolarizzare ma noi siamo stati una generazione di geni maledetti che doveva assolutamente essere controllata e gestita dal sistema, abbiamo rotto tutti gli schemi (oggi li chiamo schemi..) per poi creare i PC e il protocollo TCPIP (dovrei ancora avere il mio numero personale su LJUTCP) a quel punto ci siamo fatti Harakiri in nome dello scambio di informazioni, creato i BBS, creato i forum, creato Mosaic creato il WWW ci siamo suicidati (Forse..) 

 Adoro il web per la condivisione, il difficile è saper discernere ma credo sia un avanzamento nello scambio delle conoscenze come lo intendevamo all'inizio, certo, non avevamo calcolato tante cose, come il fatto che la libertà sia libertà di tutti, indifferente se colti, non colti, per fare del bene o del male, e che l'informazione non gradita va censurata se non si riesce a censurarla, bisogna fuorviarla.. per noi era bello poter parlare e scambiarsi files e conoscenze tra continenti..

Bon basta, se no veramente si scopre che ero uno di "Quelli"

Comunque adesso hai veramente conosciuto il RE incontrastato degli OT!! 

 

 

 

 

Link to post
Share on other sites

@Luchetto79 definiamo cosa sono i liquidi e cosa sono gli aromi per liquidi, i liquidi vengono fatti dagli aromi singoli che messi insieme a PG/VG/Nico fanno il liquido che usiamo ogni giorno.

Gli aromi cambiano in continuazione, è un'evoluzione continua, migliorando ed eliminando sempre più potenziali (E parlo di potenziali, non reali) molecole tossiche, il Liquido di 4 anni fa non è il liquido di oggi.

Di conseguenza cambiando gli aromi, Le formulazioni dei liquidi cambiano di conseguenza.

Chi compra liquidi pronti, purtroppo non sa, nè con cosa nè come sono fatti, di conseguenza deve fidarsi ciecamente al produttore che ha sicuramente seguito diligentemente le normative esistenti.

Ma se viene trovata una componente potenzialmente dannosa (p.e. Diacetile)  non ho mai visto un liquido essere ritirato dal mercato, almeno io non l'ho mai saputo, forse qualcuno mi a aiuta a confutarlo.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.