Jump to content

Gli aromi scaduti vanno gettati?


Recommended Posts

Girovagando per il Web mi sono imbattuto nell'ennesimo video di un famoso yoututber italiano molto generico sugli aromi e sui liquidi, (tanto secondo lui sono la stessa cosa...) e sulla loro scadenza.

A detta del youtuber, tanti dei suoi seguaci (followers..) gli chiedevano cosa si fà con gi aromi scaduti e ha fatto un video dando delle indicazione generiche con spiegazioni altrettanto generiche senza veramente spiegare il perchè succede e cosa fare con gli aromi scaduti tanto il glicole è un conservante..

Non è proprio così, ma non possiamo pretendere tanto in un mondo dove viene banalizzato tutto...  (@Renata1 mica mi dimentico) quindi qua voglio prendere un pò di spazio e capire se sti aromi vanno buttati, quali sono gli aromi a rischio e come accorgersene.

Cominciamo con fare un distinguo tra aromi e liquidi, è con gli aromi base, quelli distribuiti  da Flavorart,Capella, TPA, La Tabaccheria, Chemnovatic eccetera, che si fanno i liquidi, tipo Dinner lady, Killer Kustard, Baffometto ecc. Gli aromi sono generalmente in PG, i liquidi invece hanno PG/VG e giàqui c'è un bel distinguo.

Gli aromi comprati anche "Scaduti" sono in PG e sono chiusi, hanno avuto poco contatto con l'ossigeno,invece per i liquidi è un pò un casino, ma viste le tendenze degli scomposti/oneshot questi mix vengono aperti e miscelati con PG/VG/Nico quindi immediatamente a contatto con l'ossigeno.. ecco che è gia cominciata la "degenerazione" (Non ditemi maturazione se no vi rispondo che è il primo stadio della marcescenza..parliamo di omogeneizzazione o infusione, ma ne parleremo in un altro tread)

Torniamo a noi, che siano aromi o liquidi eccome se vanno a male, anche se non lo fanno il giorno o il mese dopo,lo fanno, quello che va valutato è:

Come è fatto, che sia un liquido o un aroma di cosa è fatto?

Ogni aroma o liquido è fatto da molecole, queste molecole possono essere più o meno soggette a deteriorarsi, le conosciute e colpevoli non sono tante, qua ne vediamo un paio per capire di cosa stiamo parlando e focalizzare l'argomento.

Passiamo subito ai colpevoli più famosi, cioè il butirrato di etile, che viene usato nei fruttati e l'acido butanoico che viene usato nei burri, le panne, vanilla bean ice cream, la banana e i cremosi in generale, vediamo sotto uno di quelli di cui non ti viene neanche in mente abbia il butirrato di etile, il Banana Nut Bread:

https://shop.perfumersapprentice.com/componentlist.aspx?sku_search=346717

Ma cos'è l'acido butirrico? E' di fatto un processo di fermentazione ma sapete da dove parte??? dalla scissione dei gicoli, ma dove abbiamo già sentito questo nome?? se avete tempo e non avete il mal di testa date un'occhiata alla cara Wikipedia:  https://it.wikipedia.org/wiki/Acido_butirrico

Quindi gli aromi che contengono l'acido butirrico e/o butanoico (sopratutto, è quello del latte creme ecc) saranno da tenere sotto controllo, vanno a male diventano acidi, peposi o semlicemente cattivi.. cioè sono andati, qua abbiamo visto un paio di componenti che sono sicuramente a rischio, ma così sarebbe facile, c'è invece addirittura una categoria completa da tenere d'occhio e sono i caramello, butterscotch,English toffee, aromi che pochi valutano che il tempo di steeping è addirittura più lungo delle creme, ma la cosa da tenere d'occhio è la struttura, questa scorretela tutta:

https://shop.perfumersapprentice.com/componentlist.aspx?sku_search=344911

Avete letto? Siete arrivati alla fine? Un incubo! Ecco che li abbiamo una marea di problemi e colpevoli in un colpo solo, etile che evapora, acidi sia butanoico che butirrico, lattati una marea di molecole, quante sono le probabilità che vada a male o che perda aromaticità? Fate voi, adesso pensiamo ai liquidi che li contengono, caramelle, liquidi tipo Castle Long, Five Pawns i caramellosi ecc.. probabilità? Mooolto alte!

Adesso,le vaniglie, tutti sappiamo della curva lunga delle vaniglie e le creme vanigliate e i suoi tempi di steeping (Omogeneizzazione, ne parleremo in un alro post.. ci sono delle novità in arrivo.) e tutti sappiamo anche che se stanno troppo tempo in infusione perdono potenza fino anche a non sentirla più, niet, nisba,sparita.. non c'è,  pensate allora a una vaniglia magari usata una volta poi rimessa nel suo scaffale,e la stessa vada oltre la data di scadenza, l'ossigeno continua a fare il suo lavoro e a far disperedere le molecole, nella migliore delle ipotesi sarà molto blanda.

Passiamo ai frutti che invece hanno molecole volatili, fragola, melone, mirtilli, anche questi o perdono potenza o diventano floreali, questo per colpa dell'etil isovelarato che essendo un etile... fate vobis..ma ci sono aromi fruttati (tanti) che contengono acido butanoico tipo i mirtilli more ecc, e come abbiamo valutato sopra vanno a male con il tempo, quindi occhio anche a questi.

Questa è una valutazione su aromi di cui abbiamo aperto la bottiglia, non di aromi chiusi, e stiamo parlando di aromi sintetici, non di aromi organici quindi come ho detto all'inizio non si può generalizzare!

L'aroma scaduto, va valutato di caso in caso.. non basta che siano in PG e dire che è un conservante, e dire in un video che tutti i liquidi sono buoni dopo la scadenza se tenuti allo scuro e in fresco, è una inesattezza, questo va fatto con qualsiasi liquido o aroma.. certo non finiremo in ospedale.. ma quell'aroma o quel liquido scaduto si sente chiaramente che possiamo lanciarlo.

Spero di aver fatto un pò di chiarezza e non esitate a commentare sotto.

 

Link to post
Share on other sites

Ciao @Frank-Iv3shf 

Bravissimo e grazie delle spiegazioni. Mi hai letto nel pensiero: volevo proprio inaugurare una discussione su questo tema, con il tuo aiuto. Spesso nei negozi online e no si trovano aromi scontatissimi, si comprano e sono blandi o alterati ma te li tieni perché va bè li ho pagati poco.  

Adesso abbiamo più  chiarezza sul tema  e potremo decidere con più consapevolezza 

:12_slight_smile:

Link to post
Share on other sites

Grazie, è solo un'accenno per dare un idea generale senza andare ad analizzare aroma per aroma, e far capire di non dare per scontato quello che si sente in giro da persone che non hanno una conoscenza o uno studio specifico.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi è Online

    No members to show

  • Popular Contributors

  • Member Statistics

    • Total Members
      155
    • Most Online
      190

    Newest Member
    Lalluzza86
    Joined
  • LAST REVIEWS

  • Similar Content

    • By Marc3d
      Salve a tutti,
      ho provato alcuni aromi di questo marchio, appena uscito sul mercato italiano. Tengo a precisare che ve ne parlo come utente del forum e che non ho alcun rapporto, di qualsiasi natura, con questa azienda. Inoltre sono aromi che ho acquistato di tasca mia. Vengono venduti in boccette di vetro da 10 ml, rivestite da una vernice satinata opaca, al costo di 8€ l'una. Ma passiamo alle cose che interessano noi svapatori. Come sono sti aromi?
      Da quelli che ho avuto modo di provare, per adesso solo tre, sono davvero dannatamente buoni e veritieri nel gusto. A quanti di voi non è mai capitato di prendere aromi che dicevano di essere fatti in quella data maniera e poi, svapati, ci avete sentito ben altro? Beh, con quelli che ho comprato, dopo averli sentiti in negozio (odore), il rapporto, con quello descritto in etichetta,  è di uno a uno. Per il fine settimana vedo di fare altri test. Se avete richieste, scrivetemelo sotto e vedrò se posso provare ed assaggiare l'aroma, visto che nel negozio fisico hanno un espositore con gli aromi in PG.
      Ho preso due cremosi ed un fruttato ghiacciato. 
      Pampero N.3: è una crostata al cioccolato e scaglie di noccioline. Avete presente la crostatina del mulino bianco, praticamente identica. Assaggiata una goccia, in pg, il gusto era fedele al 100%. L'ho preparato sabato. Appena fatto, l'ho provato ed è discreto, oggi, dopo pochi giorni, già è migliorato tantissimo. Sto vedendo quanti giorni servano prima di svaparlo. Ipotizzo almeno 10 giorni, essendo un cremoso è il minimo sindacale. La cosa che mi ha colpito ed è la prima volta che lo noto, è il fatto che abbiano un gusto simile a quello che andiamo a mangiare in concreto. In questo caso la crostatina. Con la marea di altri liquidi che ho provato negli anni, il sentore chimico lo avvertivo subito, specie con cioccolato, mai reale, caffè e limone. In questo il cioccolato alle nocciole, la nutella, è quello il sapore, non si scappa, è la pasta della crostata è quello il sapore. Che dire altro, provato su Nudge 22 mm single coil, con una fused clapton in Ni80 3*29ga + 38ga, diametro 2.5 mm, 5 spire, 0.17 Ohm.
      Sumatra N.4: è un waffle al cioccolato bianco con scaglie di noccioline. Questo lo devo ancora fare, vi riporto la sensazione di assaggio di una goccia di pg. La prima nota positiva è che il cioccolato bianco l'ho sentito proprio come se stessi mangiando la barretta, il resto dietro. Quindi ipotizzo che la nota di testa sia proprio quest'ultima.
      Per i cremosi di questo marchio credo che abbiano bisogno minimo di 10/15 giorni di stepping, per iniziare ad apprezzarli nella loro completezza.
      Monson N.18: melograno e frutti di bosco con ghiaccio. Questo ha abbondantemente superato i 10 giorni di steeping. La prima cosa che mi ha stupito è come sia equilibrato l'effetto ghiaccio, sembra accarezzare il palato invece di prenderlo a schiaffi come fanno i malesiani. Davvero molto piacevole. È molto particolare come gusto, deve piacere, ma non è per nulla banale. La nota di testa sono i frutti di bosco. Particolare è proprio il sapore "resinoso" dei mirtilli o delle piante aromatiche; avete presente quando bevete il liquore al mirtillo sardo e sentite quel gusto resinoso dell'arbusto, ecco questo spicca come nota di testa. Il melograno è un po' in sottofondo, non avendo un sapore ben definito ma più una caratteristica dolce e acida del tannino.
      Mi viene da dire, finalmente qualcosa di veramente valido. Aspetto i vostri pareri, a presto. 
       
       
    • By Il_Puma
      Linea di aromi tabaccosi Premium by Dreamods.
      Questi aromi sono sintetici, ma l'intenzione era quella di riprodurre il più fedelmente possibile il gusto dei tabacchi organici. Per godersi l'aroma del tabacco organico senza distruggere le coil dopo 2ml.
      Diluizione consigliata: 10-13%
      Aromi:
      Black No.90: Un prepotente sapore di tabacco si sposa con le note caraibiche del cocco e una delicata crema di nocciola.
      Brown No.91: Un tabacco non invadente che si lega perfettamente al gusto secco della castagna, un aroma all day long.
      Red No.92: Un tabacco da post caffè, ottimo per chi vuole smettere di fumare...deciso ma non troppo.
      Silver No.93: Un tabaccoso con note prevalentemente fruttate, che lo rendono gustoso e travolgente.
      Gold No.94: Una miscela di tabacchi secchi e morbidi, un connubio perfetto per l'equilibrio aromatico
      Link: Dreamods
    • By Dodi75
      Apro questa discussione per un confronto sui liquidi fai da te con aromi cremosi e fruttati.
      Uno spazio per discutere su come prepararli, i nostri trucchi per renderli appetitosi, pareri e quanto altro aiuti chi legge e voglia cimentarsi in questa alchimia casalinga.
    • By Dodi75
      Ciao a tutti.
      Qui vi riporto una breve elencazione di sostanze potenzialmente allergeniche presenti nei liqui ed aromi da svapo.
      Negli aromi (alimentari e non) sono presenti delle molecole aromatizzanti, sia sintetiche che naturali, che negli ultimi anni la ricerca scientifica ha classificato come "allergeni" raggruppati in queste famiglie: 
      Aldeidi (citrale, citronellale, nerale, benzaldeide); Chetoni (mentone, irone, jasmone, canfora); Alcoli (linalolo, citronellolo, geraniolo, nerolo); Fenoli (timolo, eugenolo, safrolo); Acidi (acido cinnamico, acido benzoico); Esteri (acetato di benzile, di linalile, di lavandulile, di eugenile); Idrocarburi terpenici (limonene, pinene, canfene, terpinene, fellandrene). Ad esempio: Amyl cinnamal - Amylcinnamyl alcohol -  Cinnamal - Cinnamyl alcohol sono quelle molecole che conferiscono l'aroma di cannella.
      Attualmente il Comitato Scientifico per la Sicurezza dei Consumatori (SCCS) della Commissione Europea ha classificato 26 sostanze aromatizzanti classificate come allergeni, ma si sta valutando di portare l'elenco a 89 sostanze. Qui di seguito l'elenco delle attuali 26 allergeni:
      Alpha-isomethyl ionone - Amyl cinnamal - Amylcinnamyl alcohol  - Anise alcohol - Benzyl alcohol - Benzyl benzoate - Benzyl cinnamate - Benzyl salicylate - Butylphenyl methylpropional - Cinnamal - Cinnamyl alcohol - Citral - Citronellol - Coumarin - Eugenol - Evernia furfuracea - Evernia prunastri - Farnesol - Geraniol- Hexyl cinnamal - Hydroxyisohexyl 3-cyclohexene carboxaldehyde - Hydroxycitronellal - Isoeugenol - Limonene - Linaool - Methyl 2-octynoate.
      Per maggiori informazioni cerca su google "allergeni profumi aromi".
      Nota Bene: Queste sostanze aromatizzanti o profumanti sono presenti indistintamente nei prodotti alimentari e nei prodotti cosmetici.
×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.