Jump to content

Malattia Evali maggiormente diffusa dove sigaretta elettronica è vietata


Recommended Posts

evali.jpg

Dove la sigaretta elettronica è maggiormente diffusa non ci sono stati casi eclatanti di Evali, la malattia polmonare che colpì gli Stati Uniti un anno fa. Al contrario, i maggiori focolai della nuova polmonite si sono verificati nelle località in cui era più difficile reperire i liquidi di ricarica. È quanto dimostrato da una analisi effettuata dalla Yale School of Public Health pubblicata sulla rivista Addiction.
Lo studio ha considerato la relazione tra i casi totali di Evali segnalati dai singoli Stati e il tasso di consumo di e-cig nel periodo immediatamente precedente. “Se è vero che a diffondere la malattia è stato l’utilizzo della sigaretta elettronica – ha spiegato Abigail Friedman, autore dello studio – è anche vero che si è manifestata in quegli Stati in cui vi sono pesanti restrizioni nella vendita”. Questo avvalora la tesi secondo cui i divieti eccessivi spingono all’illecito. I giovani vaper, infatti, non potendo accedere ai liquidi di ricarica in maniera lecita, si sono affidati al mercato nero e alle reti parallele, spesso gestite da gruppi radicati della criminalità organizzata. Il risultato è che hanno avuto accesso a prodotti di infimo livello e, soprattutto nelle ricariche contenenti Thc, a miscele tagliate con sostanze nocive. I ricercatori hanno evidenziato la presenza pressoché costante di acetato di vitamina E, sostanza oleosa che a contatto con i polmoni crea una sorta di pellicola che impedisce la regolare respirazione e lo scambio di ossigeno e anidride carbonica.
L’epidemia di Evali ha giustificato molti governatori e sindaci a vietare la vendita e l’importazione di sigarette elettroniche, generalizzando dunque il problema senza riuscire ad intervenire o ricercare la vera causa dell’epidemia. Così facendo, potrebbero aver fomentato ulteriormente la vendita di contrabbando. “Se l’obiettivo era ridurre i rischi conseguenti a Evali – conclude Friedman – lo studio suggerisce che le politiche proibizionistiche potrebbero aver incentivato ulteriormente comportamenti sbagliati da parte dei giovani consumatori”.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Malattia Evali maggiormente diffusa dove sigaretta elettronica è vietata proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.