Jump to content
Sign in to follow this  
Johnnymax

Vapefly jester pod rdta

Recommended Posts

Questa pod mi è stata inviata gratuitamente da vapefly, che ringrazio, in cambio di questa recensione.

La Jester è stata una delle prime pod rigenerabili presenti sul mercato, forse la prima.

Arriva con la mesh coil da 0.5 ohm già installata, in una scatola che oltre alla pod contiene anche un po' di materiale di ricambio, tra cui la cartuccia rigenerabile.

IMG_20190903_183641.jpg.a6bc64b365267d40709abeaf697f4ca1.jpg

Per dettagli, colorazioni e specifiche tecniche vi rimando al sito del produttore: 

http://www.vapefly.com/vapefly-jester-pod/

Io ho la versione "Jester":

IMG_20190903_183052.thumb.jpg.c9ae2c3ee2e340663b6936b8e406a4a3.jpg

Per chi ama la sobrietà, probabilmente è meglio scegiere un'altra colorazione!

La porta usb di ricarica si trova sul fondo della pod:

IMG_20190903_183119.jpg.d96c025a6fc27e9d163a432da40af6d5.jpg

Mentre sull'altro lato troviamo i 3 pin di connessione alla cartuccia:

IMG_20190903_183133.jpg.094613c4f579e7d9c39bd70e01c23979.jpg

Sui 2 lati della pod invece troviamo i 2 tasti di sblocco della cartuccia:

IMG_20190903_183148.jpg.dba10aeb11a35a6ae1f2a49b364a4cb7.jpg

La pod ha una capacità di 1000 mah e si accende e si spegne con 5 click.

Con 3 click si cambia la modalità di funzionamento.

Il tasto è retroilluminato e ogni modalità ha un colore della luce diverso che la contraddistingue:

viola: 3.3V

blu: 3.8V

verde: 4.8V - ATTENZIONE - con la coil da 0.5 ohm, in questa modalità, la pod non si attiva, ma è scritto anche sul manuale!

Le 2 cartucce, la rigenerabile e quella a testine sono esternamente simili, ma una volta prese in mano e analizzate bene sono completamente diverse.

Partiamo con quella non rigenerabile:

IMG_20190903_183210.jpg.5e45f19fea0d0106eb961e5953ed7bae.jpg

Ha il coperchio che si apre come vedete nella foto sopra e la ricarica si effettua sollevando il gommino che fa da tappo al foro di refill:

IMG_20190903_183307.jpg.a1f3c9ceff7624940c400282607cbe1e.jpg

Attenzione a non refillare al centro direttamente nella coil!

Questa cartuccia ha gli airflow regolabili:

IMG_20190903_183331.jpg.ff09a15eaf4e6c2128a7c71b09883a4c.jpg

IMG_20190903_183346.jpg.31151d9a0650584add0291c450f2363b.jpg

Con la testina da 0.5 ohm però è da tenere tutto aperto a mio parere.

Come va questa testina?

Non male, è quella che mi è piaciuta di più, essendo io un polmonaro, l'ho utilizzata anche con liquidi 70/30 e devo dire che alimenta benissimo senza problemi o steccate.

Ho tenuto l'airflow tutto aperto e la pod settata su 3.3V.

Il tiro così è di guancia molto arioso e ci si può azzardare anche a tirare timidamente di polmone.

La resa aromatica se la paragoniamo ad un sistema rigenerabile serio, non è niente di che, è una pod, ma se la valutiamo per quello che è, cioè un oggettino da portarsi nel taschino, direi che siamo a degli ottimi livelli, una delle migliori provate ad oggi.

Anche l'autonomia è discreta con questa testina, svapandoci in continuazione, sono riuscito a farci quasi una mattinata. Ovviamente non è questo l'uso a cui è destinata.

Se pensate di poterla usare per tutta la giornata, in biberon style... beh, come tutte le pod mod, non fa per voi, ve ne servono almeno 2 o 3 

Con la coil da 0.5 ohm ho provato ad alzare a 3.8V, ma la resa non mi è piaciuta, vapore troppo caldo e la cartuccia scaldava in maniera esagerata. Inoltre l'airflow non era assolutamente dimensionato per poter gestire un flusso di calore del genere, infatti a 3.8V si forma un po' di condensa, cosa che assolutamente non succede a 3.3V.

Passiamo alla cartuccia rigenerabile:

IMG_20190903_183515.jpg.84cef81a208d732442c454d0c7cac092.jpg

Diversamente da quella a coil prefatte, il cappuccio si toglie completamente di modo da poter rigenerare agevolmente e volendo, anche di drippare quando si è in giro.

La tenuta fra i 2 la fa un oring alla base della cartuccia, che a forza di aprire e chiudere, nel tempo non garantirà una tenuta stagna.

La campana che è sul cappuccio, una volta inserito questo sulla cartuccia, si chiude completamente sul deck.

Ho trovato questa soluzione molto funzionale, in quanto non ho notato ne perdite, nonostante questa cartuccia sia praticamente un RDTA, ne formazione di condensa, quindi vuol dire che se la sono studiata bene.

Il refill si fa lateralmente come si vede in questa foto, oppure si può drippare direttamente sulla coil dopo aver tolto il cappuccio:

IMG_20190903_183552.jpg.f5d31d0834084dacbfc8b03baead160a.jpg

Buildarla è semplicissimo:

IMG_20190903_184454.jpg.4edf57876d0fc03ed8373df5754d23ac.jpg

IMG_20190903_184619.jpg.991f265515cb84bf275c376ebeb3b2de.jpg

IMG_20190903_184924.jpg.e24cd61d9542a2e6fd109bcfdbce84ee.jpg

Purtroppo il range di coil utilizzabile va da 0.5 ohm a 3.0 ohm... io che speravo di usarlo con una bella parallel spinta sono rimasto deluso! 

Inoltre, cosa più fastidiosa, a differenza dell'altra cartuccia, qui non c'è regolazione dell'aria, quindi il tiro è obbligato!

E' un tiro di guancia medio stretto, da usare almeno a 3.8V, se si usa la resistenza presente nelle spare parts, altrimenti se la si usa a 3.3V, la resa è troppo bassa perchè il vapore non è caldo a sufficienza.

Io comunque l'ho usata anche a 4.8V e devo dire che tra le 2, forse questa è la modalità che ho preferito, anche se scaldava parecchio.

In ogni caso, anche con questa cartuccia, non si va oltre la mezza giornata, anzi... forse volendola tenere a 4.8V, mi è durata un pelo meno di quella a testine, nonostante avessi la mesh coil da 0.5.

Anche qui la resa aromatica c'è, ma sempre se la paragoniamo ad una pod, se ci aspettiamo il miracolo puntiamo ad un altro sistema di svapo.

E come ho già detto prima, la mesh coil da 0.5 ohm è quella che mi è piaciuta di più, ma l'idea di avere una cartuccia rigenerabile su cui si può anche drippare, non è per niente male.

Inoltre, chi ama il tiro di guancia, sicuramente riuscirà a fare una coil che gli permetterà di apprezzare molto di più la cartuccia rigenerabile rispetto alla prefatta, anche in termini di risparmio!

Dimenticavo una nota positiva, con entrambe le cartucce non si avverte quasi il calo della batteria, quando è scarica, te ne accorgi perchè non attiva più!

Per chi volesse puntare a questa mod, lascio una foto comparativa con la pod più piccola presente sul mercato:

IMG_20190903_194656.thumb.jpg.5254e75a20eb0e756199961f40301f05.jpg

Come potete vedere non è piccolissima, ma è leggera, ha una buona resa sia con le prefatte che con la rigenerabile e tiene ben 1000mah, quindi diciamo che le sue dimensioni e le sue prestazioni, se la valutiamo per quello che è, sono più che accettabili!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...