Jump to content

Proposta nuovo topic/guida


Recommended Posts

Salve a tutti
Vengo subito al dunque: in questi giorni mi è capitato di leggere molti topic relativi ai vari aromi tabaccosi in quanto, dopo anni di virata su creme e fruttati (con soddisfazione), non nego di trovarmi piuttosto incuriosito dal mondo dei tabaccosi ma soprattutto di come si è evoluto in questi anni di svapo; oramai per chi vuole svapare un tabaccoso serio, si va di organici e si va a ricercare un tipo specifico di tabacco, chiari scuri misture fire cured e via dicendo ma... Non tutti sanno esattamente di cosa si parli :3_grin:

Ad esempio nel mio caso, si sono un ex fumatore e negli ultimi anni di fumo mi facevo le catramose da solo, prediligendo il pueblo... ma vallo a sapere che tabacco svapavo.
Ora, vuoi la mia curiosità, vuoi che la mia compagna ogni tanto si acchiappa una sigaretta offerta dal collega (con conseguente nostalgia del fumo analogico), io personalmente vorrei piano piano, e senza salassarmi economicamente, affacciarmi al mondo dei tabaccosi, ovviamente trovandomi un paio di atom da guancia ma... cosa comprare?
Da qui l'idea, perchè in fondo credo di non essere il solo un pò confuso nel mondo dei tabacchi, e dato che qui tra noi ci son ciucciacannucce di razza, perchè non fare un bel topic guida sui vari tipi di tabacco e sul loro aroma? Così da aiutare gente come me, che vorrebbe comprare un bell'organico della vapor cave, ma a parte sapere che si dovrà fare mesi di maturazione, non ha idea di cosa andare a comprare, ne tanto meno cosa aspettarsi! :7_sweat_smile:

Ora, mi rendo conto che un topic del genere, con i giusti post in testa può risultare un lavorone mastodontico, ma credo che sia il forum per contenuti, che gli utenti possano beneficiarne tantissimo. Perchè se ci pensate, su ogni lido che tratta svapo si parla di tabacchi, ma ci son tonnellate d'informazioni buttate senza criterio e tralasciando le sperimentazioni folli, è un pò difficilotto trarne chiarezza.

Ora, non ricordo benissimo chi svapa tabaccosi qui, ricordo solo @Renata1 e @ConteRosso (non odiatemi per la citazione, lo so che rompo), comunque cosa ne pensate dell'idea? Credete sia una cosa realizzabile, chiaramente facendo un lavoretto per benino ma con tutti i giusti tempi del mondo?


Buone nuvole :28_hugging:

Link to post
Share on other sites

Ma che rompere.. Stai scherzando.. Si è un lavorone, ma fattibile. Beh, io aggiungerei @filippodei, @Dmasca, altri ciucciacannucce di razza, che conosco da tempo, i quali svapano tabacchi veri... Ma anche il buon Maurizio @Mawinista, avesse voglia ancora di leggerci e sperando che si sia ripreso per bene dal brutto incidente in moto... Insomma, sotto, allora

10600.png

Link to post
Share on other sites

Credo che un bel lavoretto strutturato dove si parli delle varie tipologie di tabacco possa aiutare parecchio così che, chi abbia intenzione d'avvicinarsi a questo mondo possa farlo con criterio, potendo acquistare aromi confacenti i propri gusti ed aspettative, ed evitando anche spese inutili e possibili delusioni per un aroma lasciato a maturare li per mesi e che magari, non era ciò che si cercava!

Link to post
Share on other sites

Io svapo tabacchi da relativamente poco (un annetto e qualcosa) e come per la rigenerazione, le opinioni della gente mi hanno sempre più spaventato che "rassicurato". I tabacchi (specialmente alcuni) vengono descritti come strong o impegnativi, quando in realtà del tabacco c'è solo il sapore senza la parte combusta, che nella maggior parte dei casi è quella che risulta pesante. 

Se vieni da anni e anni di creme come me sono sicuro che apprezzerai ogni tipo di tabacco, in media su 5 aromi sintetici che compravo in passato 4 finivano cestinati, ad oggi non c'è un tabaccoso che non apprezzato, a rotazione li svapo TUTTI. Sono molto più nauseanti alcuni sintetici rispetto al più forte dei tabacchi. 

Link to post
Share on other sites

Il mondo dei tabacchi è talmente vasto e ricco di sfumature che difficilmente, secondo me, può essere riassunto in un solo post/guida. Piuttosto ci vedrei bene una sezione apposita, dove al suo interno poter aprire dei topic per ogni liquido/aroma tabaccoso che si andrebbe a recensire/discutere, magari utilizzando i tag che è possibile inserire in sede di creazione del post, per poi andare ad associare gli stessi tag nei post che andrebbero a trattare l'hardware da potergli associare...Così il tutto assumerebbe uno scheletro, e un senso...

Link to post
Share on other sites

Eccomi ! Il @ConteRosso mi chiama e come potrei esimermi? Anzi grazie del cross perché penso di avere molto in comune con chi ha chiesto. 
Piccolo preambolo personale per collocarmi meglio a livello storico. 
30 anni quasi di Lucky Strike e marlboro rosse. Poi ho iniziato a far convivere le analogiche al mattino con lo svapo al pomeriggio. L’unico liquido che mi dava della soddisfazione era la menta Artic di supreme. Con Nico al 9. Dopo 6 mesi ho abbandonato del tutto il fumo passando completamente allo svapo. Sempre e solo menta. Poi sono sceso di Nico e sono al 6. Tuttora. 
poi un giorno ho provato un tabacco. Era il booms. Non mi piacque. Anzi. Allora provai un sintetico ed era il Mexico ....e li.. slurp! Da quel momento litri e litri di Messico. Via via provati altri tabacchi. Organici e non. Li apprezzo abbastanza un po tutti ma solo quello che ruotano tra il Virginia ed il kenthuki. Da un po’ ho scoperto l’etrusco di azhad. Tantissima roba. I miei all day preferiti ora sono proprio lui è sempre l’amato mexico. Ogni tanto magari in casa la sera con un bel bicchiere di lagavullin un po’ di tiro di Mazzei (ottimo) o Scottish Flake. 
da un po’ di tempo, circa un anno, comunque ho iniziato ad abbassare la percentuale dì diluizione dell’aroma. Li faccio tutti sempre al 5%. Ciò oltre ad aver avuto un bel vantaggio dal lato economico ha portato anche un maggiore benessere dato che non ho quasi mai problemi di asfaltatura della bocca. Un altro bel tabacco adatto specie a questo periodo è il Brina. Con una menta veramente di livello. Non ice. Proprio menta. Ottimo. 
come atom per iniziare senza ammazzarsi in mtl potresti provare il Pioneer oppure se puoi alzare un po’ la spesa perché non un bel Penodat? Costa il giusto e rende parecchio bene 

Link to post
Share on other sites

Ciao @Nethunshiel utente senior

Nessun disturbo,  anzi grazie di avermi citato cosi da poter esprimere il mio punto di vista. Abbraccio l'ipotesi di un thread fatto come dice @y3v e anch'io penso che a parte un'introduzione sulle macro categorie, per superare e dare un senso al futuro thread che in questo modo arricchirebbe si il forum, andando oltre le esperienze riportate riguardo ai vari marchi.  Quindi ci serve l'aiuto del nostro @Amministratore  per una sezione apposita e il principio che non solo il mondo dei tabacchi è vasto ma le variabili consentite dallo svapo sono centinaia fino al punto che io posso indicarti quel tabacco in quell'atom con quella rigenerazione in quella base dopo una devota maturazione come se fosse vangelo - e se non ti ci attieni sottintendere che sei un imbelle - ma a te  può piacere tutto il contrario, o puoi avere esigenze opposte. Ciò non vuol dire che non si possano dare indicazioni e descrizioni ma che vadano prese con le pinze, e dette con molta ironia e umiltà. 

Altrettanto ci vuole buonsenso e consapevolezza leggendo le varie recensioni perché  come detto, per esempio, manca la combustione e se un kentucky è  descritto affumicato, quell'affumicato non si può paragonare a quello dello speck ma neanche a un sigaro acceso. 

Personalmente io scrivo solo, e lo specifico, per dare un'indicazione a chi svapa nelle mie medesime condizioni di alto vg che è quello avrei voluto sapere quando ho iniziato a svapare tabacchi. Mi sarei risparmiata centilitri inutili di Black Cavendish o quel che era, e denaro se avessi saputo da subito con ragionevole certezza come risulta nelle mie basi ad alto VG per me che già percepisco troppa dolcezza a causa delle basi. Tecnicamente avrei voluto che prima qualcuno mi insegnasse con quale rigenerazione non da vangelo potevo stemperare la dolcezza, questo sì. 

Non trascureri neppure i migliori tabacchi sintetici, sia per variare le sostanze inalate e sia perché possono risultare davvero ottimi. 

:12_slight_smile:

 

 

Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Renata1 ha scritto:

Tecnicamente avrei voluto che prima qualcuno mi insegnasse con quale rigenerazione non da vangelo potevo stemperare la dolcezza, questo sì. 

 

 

Cara @Renata1.....la soluzione c'e', ed e' dietro l'angolo, come ti ho gia' accennato MESH! 

Ci vorrebbe comunque una sezione tabacchi, relativi aroamatieri ( ma alla fine per cio' che mi riguarda , almeno, sono 2/3) e relativi sistemi . Lo stesso tabacco a cotone ha una resa, a mesh totalmente un'altra, e qui chiamo in causa assolutamente il mio amico @SB68 . Ci sono atomizzatori dedicati ai tabacchi, sia bf che rta, di una semplicita' direi imbarazzante che ti permettono uno svapo di assoluta qualita'. Fartene i nomi sarebbe ancora prematuro e molto riduttivo, attendiamo la decisione di @Amministratore se la cosa e' fattibile.

10600.png

Link to post
Share on other sites

Si credo che possa bastare un bel sunto per macro categorie dove si diano delle linee di massima sulle varie tipologie di tabacco, diciamo qualcosa di schematizzato così da avere un idea iniziale, altresi ottimo aprire una sezione dedicata dove poter approfondire per bene tutto il resto! 

@filippodei ho letto davvero tanto sul penodat e se ho capito bene, è un atom che dovrebbe dare una buona versatilità, oltre che rendere bene, e non nego che un pensiero ce lo stavo facendo (magari clone!) 

Link to post
Share on other sites

dovrebbe essere un thread specifico sulla descrizione e storia dei tabacchi 

Secondo il mio personale pensiero questo potrebbe essere utile a chi si approccia al mondo variegato dei tabacchi ma non conosce le peculiarità e le proprietà aromatiche. Ovviamente gli ex fumatori hanno un ricordo legato ai tabacchi combusti che niente ha a che fare con il tabacco estratto. Lo stesso tabacco estratto con diversi metodi di estrazione produce aromi con caratteristiche aromatiche diverse. Questo, in larga parte, è motivato dalla capacità del produttore di abbattere la percentuale di zuccheri presenti nell'estratto finale e dalla capacità di "catturare" le parti volatili dell'aroma, le tecniche di filtrazione utilizzate, la materia prima utilizzata.

Il tabacco è una delle piante più adattabili all'ambiente che lo accoglie. Un kentucky coltivato nel brenta è diverso da quello beneventano. Stessa pianta, luogo diverso, aroma diverso. Un Burley americano è diverso da un Burley belga. Il Virginia, presente in moltissime mixture, è presente in tutto il mondo e ha "mille-mila" varianti che scaturiscono aromi molto diversi fra loro.

Nel nostro mondo, dove la massima "de gustibus non disputandum est" la fa da padrona, non esiste l'aroma "definitivo" . 

Ognuno di noi, però, ha dei filoni di pensiero che determinano il gusto personale e che possono influenzare in maniera determinante la scelta di un tabacco rispetto a un'altro. Conoscere le caratteristiche dei tabacchi, quindi, a mio modesto parere, può aiutare a scegliere un prodotto che non finirà nel lavandino...

Questa conoscenza è sicuramente utile anche nella selezione degli aromi sintetici che tutto sono fuorché tabacchi. Il termine "tabaccoso" l'ho sempre osteggiato in quanto errato. Non esiste un aroma sintetico che possa essere accomunato ad un estratto da materia organica vegetale. L'utilità, a mio parere, sta nel fatto che la nostra testa può mettere in relazione il ricordo del sapore del tabacco preso in esame con quello che la sintesi ti propone.

Sarei quindi molto favorevole all'illustrazione dei vari tabacchi lavorati, varianti, storia, mixture. Tutti argomenti che gli svapatori che vengono dal mondo del lento svapo, pipa e sigari, in buona parte conoscono.

Esistono in rete molti video relativi a questo argomento, anche nel mondo dello svapo. Mi piacerebbe contribuire con quel poco che conosco anche raccogliendo in un unico thread tutto il materiale sparso nei meandri del web.

 

Link to post
Share on other sites

@Hakeretto assolutamente TU devi contribuire, chi meglio di te se non tu.

43 minuti fa, Hakeretto ha scritto:

Non esiste un aroma sintetico che possa essere accomunato ad un estratto da materia organica vegetale. L'utilità, a mio parere, sta nel fatto che la nostra testa può mettere in relazione il ricordo del sapore del tabacco preso in esame con quello che la sintesi ti propone.

 

sante parole!

10600.png

Link to post
Share on other sites

Chiamato in causa dall'amico Marco @ConteRosso posso dire che da un paio di anni non riesco più ad usare anche ottimi atom a cotone come i fev perché sento sempre una tendenza ad impastare ed addolcire da parte di questo. I migliori genesis riescono ad avere una resa che esalta di più l'aroma contenuto nella base... Almeno per me e per i miei gusti. 

Link to post
Share on other sites

Grazie mille @ConteRosso per avermi chiamato in causa! Per quanto mi riguarda, il mondo dei tabacchi nello svapo è molto più interessante che nelle normali sigarette che eravamo soliti fumare. Io, proprio tramite lo svapo, mi sono avvicinato al mondo degli organici, ma partendo da un presupposto errato: per quanto possiamo voler cercare una resa il più analogica possibile (avvicinandola anche in maniera più o meno convincente), i tabacchi svapati NON sostituiranno mai la combustione. E questo è un bene. Io ci ho messo un po' per capirlo.

Ora vedo lo svapo di tabacchi più come una degustazione, forse più similmente a ciò che fa un fumatore di pipa. A me generalmente piace tenerli freddi: ci sono quelli più semplici da trattare con gentilezza, quelli più articolati, quelli più corposi su cui si può (si deve?) osare e spingere di più, quelli che ti tirano fuori cose diverse a temperature diverse e quindi conviene scaldare più lentamente...e poi le mixture, un mondo. Ci sono quelli zuccherini ed erbacei, gli orientali speziati, i cuoiosi e "stallatici", i sigaroni sapidi...e non dimentichiamoci che le tecniche d'estrazione fanno tantissimo sulla resa finale. Ce ne sono di quelli che maturano dopo un anno (o meglio, evolvono in un anno, cambiando faccia durante questo lasso di tempo), altri che legano molto in fretta per via di dimensioni molecolari differenti... insomma, c'è un mondo.

Io ho iniziato non da tantissimo ad esplorarli, ma darò il mio contributo volentieri! Oltre alle categorie sono d'accordo con chi dice che sia necessario parlare dei produttori, proprio perché (oltre a qualità finali diverse), si possono apprezzare materie prime e metodi di estrazione differenti e capirci qualcosina di più. 

Edited by Dmasca
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.