Jump to content

Recommended Posts

Ciao a tutti!

Vorrei parlarvi un po' della mia esperienza con lo Small Blind, ultimo nato in casa 7 sins mods, tank made in Italy mtl da 2ml che possiedo ed uso con continuità ormai da un paio di mesi.

Partiamo, in ordine, dal packaging, composto di un solo astuccio nero con bordo colorato (il colore può differire), con sopra il logo del produttore. All'interno troviamo l'atomizzatore, le spare parts, che comprendono o-ring e viti di ricambio ed un anello estetico, utilizzabile su box con pin a vite.

L'atomizzatore è lungo circa 42mm e misura 22mm di diametro.

Le parti che compongono il tank, in acciaio 316L, sono composte da: 

  • Deck
  • Air pin in peek (smontato al momento della consegna)
  • Campana
  • Tank (disponibile 'frosted' in PC1000, come il mio, o in Ultem) dalla capacità di 2ml
  • Top cap con drip tip estraibile
  • Pin 510 placcato

L'atomizzatore esteticamente è semplice e pulito, con ottime finiture. I filetti acciao su policarbonato potrebbero far storcere il naso, ma in realtà sono molto precisi e la scorrevolezza con cui si assembla mi ha fatto subito passare qualsiasi dubbio a riguardo. Non ha nessuna regolazione di aria o liquido ed il refill avviene dal basso. Dopo aver lubrificato l'o-ring dell'air pin, basta inserirlo portandolo a filo del canale con un semplice stuzzicadente. Per sfilare il'air pin si può svitare il pin 510 ed entrare con uno stuzzicadente o un coil jig spingendolo da sotto, oppure infilare lo stesso stuzzicadente direttamente nel foro superiore dello stesso pin e tirarlo fuori.

Parliamo un po' del deck: ha 4 fori da 1.1 a 90° l'uno dall'altro che convergono all'interno di una camera posta sotto al pin. Dalle foto allegate, dovrebbero notarsi sia la camera che le particolarità del pin da 1.2, con un'ampia svasatura sotto ed una vistosamente più piccola sopra, da dove, per intenderci, uscirà l'aria per colpire la coil. Questo è il cuore dell'atomizzatore, in quanto è qui che l'aria converge prima di venir risucchiata dal pin e sparata a cono sulla coil. Questa camera, infatti, funge da riserva: l'aria che andiamo ad immettere nella camera di vaporizzazione è infatti quella immagazzinata nella camera e non quella che aspiriamo. A mio avviso, la cosa crea un'immediatezza nel tiro molto piacevole. Altra caratteristica del deck è che, per la posizione delle torrette rispetto alle vasche, farlo perdere o gorgogliare diventa un'impresa impossibile. Le torrette sono molto basse, in modo da non creare nessun tipo di ostacolo al vapore in camera.

L'air flow e la geometria della campana fanno la particolarità di questo atomizzatore, che si propone di non influenzare i liquidi, di non correggerli. Non ingrassa, non secca. Per funzionare in questo modo, ovviamente è piuttosto legato a certi parametri, ed ecco spiegata l'assenza di qualsiasi tipo di regolazione (cosa che a molti può non piacere). 

Questo, però, non dev'essere confuso con "rende bene con tutto". Perché vedrete che, utilizzandolo, tanti dei vostri liquidi preferiti non vi piaceranno affatto su questo atom, mentre avrete l'occasione di apprezzarne altri che magari schifavate. Insomma, NON rende bene con tutto, ma sicuramente sentirete i liquidi diversamente (spesso) da come siete abituati.

Arriviamo alla rigenerazione: ho postato alcune foto per spiegare meglio quello che sto per dire. L'atom di concezione è fatto per essere affidabile e semplice da rigenerare. A mio avviso, lavora meglio con poche spire, in modo da rimanere all'interno del cono ideale disegnato dall'aria in uscita dal pin. 6 spire su punta da 2 o 5 su punta da 2,5 andranno benissimo. Il cotone, tagliato a filo del deck, non deve essere abbondante e deve essere ben pettinato e sfoltito, pena l'usura repentina della coil. Insomma, nella sua semplicità, ha bisogno di un po' di attenzione nella cotonatura. Non strozzate il cotone nella campana, non serve arrivare ad affogarlo nelle vaschette in fondo al deck. Personalmente, non ho avuto mai problemi di deterioramento precoce della coil.

L'atom, complice forse il camino corto, se si tira troppo colpulsivamente tende a scaldare un po', ma raffredda molto in fretta. Si può percepire il calore sulle labbra, ma non è mai arrivato ad essere fastidioso. Il drip tip molto corto all'inizio mi pareva scomodo, ma ci ho fatto l'abitudine, sarà che il top cap che va ad appoggiarsi sulle labbra crea una sensazione a mio avviso molto gradevole.

Io l'ho provato con un po' di tutto: Carribean, Mandingo, Better Vape Saul, La vie en deuce,Kentucky reserve e Tennessee, Winter afternoon, 1000, Black Cavendish di CV, Virginia BF, Black Cherry, Contrappunto, sintetici di K Flavor (secondo, terzo, quarto), Turkish Cream di VGC, Mary Jane Kelly di JFG, Basma di Tab3.0 ed altri che mi sfuggono... non mi ha mai deluso, anche se devo ammettere che da alcuni di questi liquidi ha tirato fuori qualche nota sgradevole che su altri atomizzatori non avevo percepito. Per i miei gusti ho apprezzato molto i fire cured, anche aromatizzati, i sintetici, alcune mixture ed aromatizzati in generale e orientali. Non l'ho amato con i chiari, che mi piacciono su atom che tendono ad ingrassare un po' di più. Qui, in quest'ultima categoria, ho trovato più presenti le note di coda che gli zuccheri che tanto apprezzo.

In conclusione, consiglierei l'acquisto a chi ha bisogno di un atomizzatore affidabile, che può tenere in tasca tutto il giorno senza correre rischi di allagamenti e perdite (anche se 2ml son pochini per farci la giornata) e svapa vari tipi di liquidi. Non lo consiglio a chi vuole un tiro regolabile e svapa una sola o poche categorie di liquidi: se, ad esempio, svapi solo BC e Virginia, o solo fire cured, insomma se non vari spesso...probabilmente in giro ci sono atom studiati per quella singola categoria che te ne esalteranno meglio le caratteristiche.

Piccola nota sul refill dal basso: personalmente la trovo un'ottima soluzione, veloce e pulita, soprattutto in un caso come questo in cui basta refillare e via, senza dover chiudere l'aria per non farlo pisciare come un tedesco all'oktoberfest.

Queste sono le mie impressioni, spero possano esservi utili!

Buone svapate!

c9d02b2a-0fc4-4158-8db7-4389c85768c8.jpg

Pin_peek_1.2.jpg

Rigenerazione.jpg

1595960183104.jpg

ae672283-0bcc-4a3e-9fb5-1557909f16dc.jpg

1595956456065.jpg

Edited by Dmasca
Link to post
Share on other sites

Ottimo Danilo, veramente ottima vivisezione dello Small. 

Peccato solo quei 2 ml, per il mio svapo durerebbero forse un'ora. Un rta che ha fatto strage di molti altri, la sua versatilità è impagabile. 

10600.png

Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
4 minuti fa, ConteRosso ha scritto:

Ottimo Danilo, veramente ottima vivisezione dello Small. 

Peccato solo quei 2 ml, per il mio svapo durerebbero forse un'ora. Un rta che ha fatto strage di molti altri, la sua versatilità è impagabile. 

Eh capisco, i 2ml sono un limite per molti. Io esco sempre con un paio di sistemi, ma ammetto che la sua comodità per me che lavoro in officina è veramente un punto di forza. 

Esiste una versione Big che sta uscendo, ed un kit big che possiedo e che sto iniziando a provare. Ne parlerò in seguito :)

Edited by Dmasca
Link to post
Share on other sites

molto interessante. Dopo averlo cercato per mare e per terra senza riuscirci e complici le altre uscite del periodo ( che vuolete farci...la scimmia è la scimmia) ho deciso di prederlo clone sxk. stiamo a vedere appena arriva come lo hanno fatto.

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

alla fine oltre al clone ho trovato anche l'originale. posso dire che sono entrambi di livello? secondo me sono fatti identici. ed entrambi rendono benissimo e il fattore 2ml lo apprezzo sempre di + perche' cosi posso infilarci roba diversa maggiormente spesso per esempio

Link to post
Share on other sites
Il 22/8/2020 at 15:12, SADBOY ha scritto:

Alla fine con cosa rende? Ho letto di gente che ci mette i vct, altri scuri, altri mixture scure

Come dicevo nelle mie opinioni, non è né un atom che ingrassa né che secca. È difficile parlare di 'resa' qui secondo me. Ci butto com soddisfazione mixture orientaleggianti/scure, scuri e orientali singoli, aromatizzati e pure qualche crema. Filippo sopra parlava bene dei chiari, che a me piacciono di più su atom che tirano a ingrassare. Ripeto, è un'atom che cerca di non influenzare il vapore per non modificare la resa, cosa che può essere piacevole come no su molti liquidi. 

Coi tabacchi il big ha qualcosa in più a mio avviso.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.