Jump to content

Recommended Posts

Conosco Emilio da anni, ormai; dai tempi del vapitaly 2017 quando entrava coi suoi sacchettini contenenti boccette dei suoi estratti di tabacco per darceli da provare. Strada ne ha fatta, negli anni si è affinato nell'estrazione, ma, se devo dirla tutta, proprio non mi piacciono. Non so se le sue ultime produzioni sono migliorate rispetto alle precedenti, ma li trovavo tutti alquanto blandi e con poco carattere. L'unico che non mi dispiaceva era lo Gnogno ; insomma, per ciò che mi riguarda, non lascio di sicuro Scolari e Colaianni per i suoi aromi. Contento, comunque, che abbia trovato che glieli commercializza ufficialmente, facendolo uscire un pò dall'anonimato del suo gruppo fb ove li vendeva. Insomma, sono anni che ci lavora sopra, i primi frutti ufficiali iniziano ad arrivare. 

10600.png

Link to post
Share on other sites

Gli avevo scritto tempo fa (credo gennaio) per sapere il costo degli aromi e mi ha sparato una cifra superiore ai vapor cave.

Capisco la passione capisco l'hobby capisco i sacrifici ma proprio no, ora come costo sono molto più in linea col mercato.

Edited by SADBOY
Link to post
Share on other sites

Mi sembra li vendesse sugli 8 euro, ma posso sbagliarmi, sto andando a memoria anche perché non mi sono mai interessato particolarmente ai suoi estratti. Bisogna dargli comunque atto riguardo alla passione ed alla abnegazione che ci ha messo. Avevano il vantaggio che sporcavano poco, ma io i tabacchi li preferisco carichi ed invadenti. Se poi intasano la coil dopo due ml.. pazienza, cambio il cotone e pace

10600.png

Link to post
Share on other sites
Il 23/7/2020 at 21:37, ConteRosso ha scritto:

Se poi intasano la coil dopo due ml.. pazienza, cambio il cotone e pace

Un aroma che intasa la coil dopo 2 ml, ad esempio, il sottoscritto lo scarta a priori ma questo non significa che non siano buoni.

Gli aromi di Emilio non sono male. In catalogo ha l'unico Burley belga del mercato che si chiama Pure Semois.

In questi casi è necessario ricordare che la condizione "de gustibus non disputandum est" è l'unica variabile accettabile.

Inizio OT
per il tifoso Torinese:
quando ci vediamo ti porto un estratto che ho fatto io con lo Squadron Leader della Samuel Gawith. Te lo faccio al 15% così ti si riempie la bocca di aroma di questa EM che dopo 2 ml cambi la coil, il cotone e godi come un riccio!

Fine OT

 

Link to post
Share on other sites

@Hakeretto

Il tifoso derelitto torinese ringrazia e porge i suoi doverosi abbracci 😂

Tornando in topic, vedo che anche tu la chiudi con un "non sono male", forma più delicata della mia per dire che c'è di meglio, molto meglio. Tra l'altro la curiosità, visto che avevo bisogno dello 0.35 da vbar, mi ha portato a cercarne il prezzo: però, 8.5 euro... Non oso pensare quanto li facesse pagare prima.. 

10600.png

Link to post
Share on other sites
9 ore fa, The Doctor ha scritto:

Un euro in meno :10_wink:

 Ciao Gabry.. Qui da Arles tutto ok 😂

Si lavora e si fatica, per il pane e per... 😂😂😂😂

Oggi però giornata di mare a Les Saints Marie de la mer.. 28 gradi ed un leggero maestrale.. Sono nero come un nero 😂

10600.png

Link to post
Share on other sites
  • 4 months later...

Amaro di Kentucky la descrizione indica un Kentucky italiano aromatizzato con spezie amare. Provato in Expromizer V3 rigenerato con KA1 0.30 Ø 2.5 Ω 1.30. Aroma diluito nella misura 1/10  in base con percentuale di Vg alta senza additivi aggiunti, maturato circa  un mese.

In inspirazione percepisco le spezie amare, e direi un pò piccanti. In espirazione posso registrare le caratteristiche del Kentucky italiano del quale sono molto chiare le sfumature legnose, benché il tabacco, almeno al mio palato e in questa diluizione, mi risulti molto leggero, quasi timido rispetto agli altri sapori, tuttavia accettabile in basi ad alto VG così come speravo.

L'aroma è venduto in un flacone di 11 ml che vi consente di fare un campione da 10 ml per assaggiare la maturazione e lasciare, al bisogno, il resto prendersi tutto il tempo di cui forse ha più necessità di quanto scriva il produttore che consiglia 15 gg. di riposo.

Rapporto prezzo-convenienza direi tendente a una certa  economicità; probabilmente l'assenza di scatolette, disegnetti, elastici ecc. gioca a favore di un prezzo tutto sommato basso.

Rileggendo i precedenti interventi, convengo con il @ConteRosso: sì, si potrebbe sintetizzare che l'aroma, per quanto piacevole, è blando. Niente di paragonabile a La Tabaccheria, Vapor Cave, Blendfeel, Tabacchificio ecc.  Se dovessi identificarli con una categoria di aromi mi vengono in mente i NET di Dreamods o Cyber Flavour.

:12_slight_smile:

Edited by Renata1
Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Renata1 ha scritto:

Amaro di Kentucky la descrizione indica un Kentucky italiano aromatizzato con spezie amare. Provato in Expromizer V3 rigenerato con KA1 0.30 Ø 2.5 Ω 1.30. Aroma diluito nella misura 1/10  in base con percentuale di Vg alta senza additivi aggiunti, maturato circa  un mese.

In inspirazione percepisco le spezie amare, e direi un pò piccanti. In espirazione posso registrare le caratteristiche del Kentucky italiano del quale sono molto chiare le sfumature legnose, benché il tabacco, almeno al mio palato e in questa diluizione, mi risulti molto leggero, quasi timido rispetto agli altri sapori, tuttavia accettabile in basi ad alto VG così come speravo.

L'aroma è venduto in un flacone di 11 ml che vi consente di fare un campione da 10 ml per assaggiare la maturazione e lasciare, al bisogno, il resto prendersi tutto il tempo di cui forse ha più necessità di quanto scriva il produttore che consiglia 15 gg. di riposo.

Rapporto prezzo-convenienza direi tendente a una certa  economicità; probabilmente l'assenza di scatolette, disegnetti, elastici ecc. gioca a favore di un prezzo tutto sommato basso.

Rileggendo i precedenti interventi, convengo con il @ConteRosso: sì, si potrebbe sintetizzare che l'aroma, per quanto piacevole, è blando. Niente di paragonabile a La Tabaccheria, Vapor Cave, Blendfeel, Tabacchificio ecc.  Se dovessi identificarli con una categoria di aromi mi vengono in mente i NET di Dreamods o Cyber Flavour.

:12_slight_smile:

Visto? 😉

C'è di molto meglio

10600.png

Link to post
Share on other sites

 

19 ore fa, ConteRosso ha scritto:

C'è di molto meglio

ciao,

un pò meglio sta andando con lo ss316l, poi proverò il ribbon. Sono aromi che sporcano molto questo sì, d'altra parte bisogna ricordare che il Kentucky è un tabacco piuttosto gentile con le coil di suo.

:12_slight_smile:

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

Kentucky al caffè  la descrizione del produttore è quanto mai una promessa: kentucky al caffè...per iniziare al meglio la giornata. :34_rolling_eyes: Testuali parole. In ogni modo, provato in Fev4.5s rigenerato con KA1 0.32 Ø 2.5 Ω 1.00. Aroma maturato oltre un mese, diluito al 12% in basi ad alto Vg, nessun additivo.

Cielo quanto io, stamattina, mattina di una giornata già difficile di suo, avrei voluto sapere dove stava il Kentucky e il caffè in questo aroma! In inspirazione percepisco un'amalgama che come dice la parola stessa non mi consente di identificare il caffè o il tabacco che appena in espirazione riesco flebilmente a sentire come un tabacco kentucky fantasma, ci sono ma sembra di no, minimamente legnoso, minimamente cuoioso. Il caffè sembra starsene nascosto e solo talvolta apparire abbastanza gustoso se non fosse così flebile, non dolce, non tostato. Se questo aroma fosse stato fatto bene, il caffè che avrebbe espresso sarebbe stato fra i migliori che ho avuto occasione di assaggiare. Ma così non è, e quindi l'aroma è per le mie aspettative e i miei gusti un fiasco ancor più clamoroso in basi ad alto Vg.

Mi astengo sul rapporto convenienza -prezzo.

:12_slight_smile:

 

 

Edited by Renata1
Link to post
Share on other sites

@Renata1

Ciao Renata, aromatieri non ci si improvvisa. Non e' che ti svegli una mattina e dici: da oggi mi metto anch'io a far aromi estratti del tabacco, Sarebbe troppo semplice e troppo conveniente; me lo ricordo Emilio quando arrivava al Vapitaly con tutti i suoi pacchettini di liquidi da far provare, una volta si chiamavano cantinari. Non dico che lo sia, ma ci vanno anni di tecnica di affinazione prima di proclamarsi aromatiere. 

In compenso e' un periodo che sto prendendo tutti i T 3.0....qui siamo su altissimi livelli di professionalita'. Una piacevolissima scoperta che mi sta facendo mettere in dubbio tanti miei "credo", e se vogliamo anche il rapporto convenienza-prezzo-qualità e' su livelli altissimi. Ragazzi che trattano il tabacco , in tutte le sue sfaccettature , coi guanti.

 

10600.png

Link to post
Share on other sites

Ciao @ConteRosso

I tabacchi T 3.0 li uso da quando hanno iniziato a produrli e quasi nessuno li conosceva, se ne parlava dubbiosi nei forum dominati dai vari Tabaccheria, Azhad ecc.;  si poteva acquistarli su Ebay perché non erano molto diffusi nei negozi, e online non avevano ancora un loro sito: erano i cinque o sei base, poi hanno ampliato il catalogo. Secondo me, anche quelli che non sono di mio gusto, sono tutti di eccellente qualità.

Sottolineando che si tratta sempre del mio gusto, mi dispiace dire male di un piccolo produttore con i modesti mezzi che già si intuiscono dalle etichette; tuttavia commerciare un prodotto così non è rispondere alla necessità di aromi che sporchino poco, che siano per tutto il giorno ecc.: è fare leva sulla smisurata curiosità di alcuni svapatori, leggi scimmia, per accalappiarla...una sola volta, però. Non direi che questa è lungimiranza commerciale.

:12_slight_smile:

 

Edited by Renata1
Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Renata1 ha scritto:

.....è fare leva sulla smisurata curiosità di alcuni svapatori, leggi scimmia, per accalappiarla...una sola volta, però....

 

Hai perfettamente colto nel segno : mi freghi una volta, la seconda compro altro. Ovviamente, ribadisco , ben contento per lui che sia riuscito ad inserirsi in canali piu' commerciali rispetto al vendere ad amici & parenti. Uno li compra, fa le sue dovute valutazioni e la prossima volta prende altro.

10600.png

Link to post
Share on other sites

io li provai tanto tempo fa, presi tra quelli che mi ricordo amaretto di virginia ed un eatly morning ( se non ricordo male ) dopo 3 mesi di stare al buio i liquidi iniziavano ad insaporirsi, poi dopo 6 mesi erano gia svapsbili, ricordo che l'early morning mi piacque assai, mi ricordava un tabacco da pipa che fumavo secoli fa

10635.png

Link to post
Share on other sites
9 ore fa, salvo ha scritto:

io li provai tanto tempo fa, presi tra quelli che mi ricordo amaretto di virginia ed un eatly morning ( se non ricordo male ) dopo 3 mesi di stare al buio i liquidi iniziavano ad insaporirsi, poi dopo 6 mesi erano gia svapsbili, ricordo che l'early morning mi piacque assai, mi ricordava un tabacco da pipa che fumavo secoli fa

In ufficio ho ancora tutto pronto.. 

Si, gli portavi un tabacco e lui te lo estraeva, penso sia ancora possibile. Ad un mio caro amico estrasse 50 ml di puro aroma Camel; ma se prendi un Virginia Red e lo metti nel v9 ottieni esattamente lo stesso risultato

 

IMG_20210113_063549.jpg

10600.png

Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
  • Chi è Online

    No members to show

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.