Jump to content

Divieto di fumo all’aperto: Sassari è la prima città d’Italia


Recommended Posts

sassari.jpg

Il Comune di Sassari scrive la storia della lotta al fumo: dallo scorso 24 giugno è vietato fumare nei luoghi pubblici all’aperto ma anche durante le attese in fila prima di entrare in luoghi al chiuso (uffici pubblici, supermercati, cinema, teatri). Parchi, giardini, aree di attesa e sosta: il sindaco Gian Vittorio Campus (medico, già senatore del Pdl) ha firmato una ordinanza che li eleva ad aree libere dal fumo. La decisione è nata osservando i comportamenti dei cittadini in occasione dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del nuovo coronavirus. “In concomitanza con la diffusione del virus Sars-Cov-2 sono aumentate le occasioni in cui i cittadini si trovano in coda in aree pubbliche in attesa di accedere a esercizi commerciali, cinema, musei, uffici pubblici e privati e ogni altro luogo che richieda il contingentamento delle presenze”. Quindi, tenuto conto che “l’Organizzazione Mondiale della sanità riconosce che il tabagismo rappresenta uno dei più gravi problemi di sanità pubblica a livello mondiale ed è uno dei maggiori fattori di rischio nello sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie”, il sindaco ha ritenuto opportuno ordinare che “sull’intero territorio comunale:

  1. a) È vietato fumare alle persone in coda in aree pubbliche in attesa di accedere a esercizi commerciali (pubblici esercizi, esercizi di vicinato, medie e grandi strutture di vendita), cinema, musei, uffici pubblici e privati, e ad ogni altro luogo;
  2. b) È vietato fumare all’aperto presso le fermate dei mezzi di trasporto pubblico;
  3. c) È vietato fumare all’interno di parchi, giardini pubblici, aree verdi accessibili al

pubblico, nei cortili di pertinenza delle scuole”.

I cittadini o le associazioni hanno tempo sino al 23 agosto per ricorrere al Tar per chiedere, eventualmente, l’annullamento dell’ordinanza. Il rispetto del divieto è demandato “alla Polizia Municipale e alle forze dell’ordine“.
L’ordinanza non prende in considerazione le sigarette elettroniche che potranno quindi essere ancora utilizzate dai cittadini o dai turisti in visita a Sassari. Più complessa la fattispecie legata ai riscaldatori di tabacco perché, pur essendo strumenti a rischio ridotto, producono fumo e consumano tabacco. La controversia potrà essere risolta soltanto con una seconda ordinanza.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Divieto di fumo all’aperto: Sassari è la prima città d’Italia proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.