Jump to content

Divieto di fumo all’aperto: Sassari è la prima città d’Italia


Recommended Posts

sassari.jpg

Il Comune di Sassari scrive la storia della lotta al fumo: dallo scorso 24 giugno è vietato fumare nei luoghi pubblici all’aperto ma anche durante le attese in fila prima di entrare in luoghi al chiuso (uffici pubblici, supermercati, cinema, teatri). Parchi, giardini, aree di attesa e sosta: il sindaco Gian Vittorio Campus (medico, già senatore del Pdl) ha firmato una ordinanza che li eleva ad aree libere dal fumo. La decisione è nata osservando i comportamenti dei cittadini in occasione dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del nuovo coronavirus. “In concomitanza con la diffusione del virus Sars-Cov-2 sono aumentate le occasioni in cui i cittadini si trovano in coda in aree pubbliche in attesa di accedere a esercizi commerciali, cinema, musei, uffici pubblici e privati e ogni altro luogo che richieda il contingentamento delle presenze”. Quindi, tenuto conto che “l’Organizzazione Mondiale della sanità riconosce che il tabagismo rappresenta uno dei più gravi problemi di sanità pubblica a livello mondiale ed è uno dei maggiori fattori di rischio nello sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie”, il sindaco ha ritenuto opportuno ordinare che “sull’intero territorio comunale:

  1. a) È vietato fumare alle persone in coda in aree pubbliche in attesa di accedere a esercizi commerciali (pubblici esercizi, esercizi di vicinato, medie e grandi strutture di vendita), cinema, musei, uffici pubblici e privati, e ad ogni altro luogo;
  2. b) È vietato fumare all’aperto presso le fermate dei mezzi di trasporto pubblico;
  3. c) È vietato fumare all’interno di parchi, giardini pubblici, aree verdi accessibili al

pubblico, nei cortili di pertinenza delle scuole”.

I cittadini o le associazioni hanno tempo sino al 23 agosto per ricorrere al Tar per chiedere, eventualmente, l’annullamento dell’ordinanza. Il rispetto del divieto è demandato “alla Polizia Municipale e alle forze dell’ordine“.
L’ordinanza non prende in considerazione le sigarette elettroniche che potranno quindi essere ancora utilizzate dai cittadini o dai turisti in visita a Sassari. Più complessa la fattispecie legata ai riscaldatori di tabacco perché, pur essendo strumenti a rischio ridotto, producono fumo e consumano tabacco. La controversia potrà essere risolta soltanto con una seconda ordinanza.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Divieto di fumo all’aperto: Sassari è la prima città d’Italia proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
  • Chi è Online

    No members to show

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.