Jump to content

Decreto Rilancio, ricerca farmaceutica: emendamento Pd contro conflitto d’interesse


Recommended Posts

ricerche.jpg

Un emendamento inserito in Decreto Rilancio potrebbe sparigliare le carte sul tavolo della sanità pubblica. Le parlamentari democratiche Bini e Lorenzin (già ministro della salute quando militava nel centrodestra) vorrebbero alleggerire le norme di valutazione d’indipendenza della ricerca farmaceutica, consentendo anche alle aziende la possibilità di finanziare una ricerca sui loro stessi farmaci. L’emendamento andrebbe ad allentare le norme sul conflitto di interessi tra il ricercatore che valuta l’efficacia di un farmaco e l’azienda che lo produce. Come ben spiegato da Andrea Capocci (il manifesto) “finora, infatti, chi proponeva una sperimentazione clinica doveva dichiarare ad un apposito comitato etico – un organo composto per almeno un terzo da sanitari che non fanno parte della struttura che ospita la sperimentazione – di non aver alcun rapporto con l’azienda produttrice del farmaco oggetto della ricerca. Se l’emendamento verrà approvato, basterà dichiarare le relazioni con l’azienda, e sarà il comitato etico a valutare caso per caso se vi sia un reale conflitto di interessi. Il tema è tra i più discussi nella comunità scientifica. Un ricercatore che riceva finanziamenti da un’azienda potrebbe essere spinto a valutare in maniera più favorevole un prodotto dello stesso marchio, con il rischio di validare farmaci poco sicuri o inefficaci. Per questo motivo, i ricercatori devono rendere i propri legami con le aziende farmaceutiche nelle pubblicazioni accademiche. Un vero e proprio obbligo non esiste: diversi studi mostrano che circa la metà dei ricercatori non dichiara i propri conflitti di interessi. La rigida norma sulle sperimentazioni cliniche intendeva impedire che questa prassi arrivasse a influenzare il delicato processo di valutazione dei farmaci”.
Posto che è giusto – ha commentato Bini al Manifesto – che i comitati etici siano al corrente dei potenziali conflitti di interesse, in certi casi questi divieti assoluti possono creare blocchi all’avvio delle sperimentazioni”.
L’emendamento dovrebbe essere discusso ed eventualmente votato questa settimana. La sua approvazione potrebbe indirettamente portare ad un riconoscimento formale di tutte le ricerche finanziate anche dall’industria del tabacco e della sigaretta elettronica. D’altronde, se uno studio è condotto con metodo scientifico, replicabile e verificabile, perché mai non dovrebbe essere preso in considerazione?

 

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Decreto Rilancio, ricerca farmaceutica: emendamento Pd contro conflitto d’interesse proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.