Jump to content

L’allarme indiano: “I danni del proibizionismo? Mercato nero e prodotti scadenti”


Recommended Posts

ministro-economia-india.jpg

Nonostante i prodotti del vaping in India siano stati vietati otto mesi fa, in India la sigaretta elettronica è ancora assai diffusa. Come è possibile? Semplicemente perché esiste una rete parallela, non controllata, che introduce i prodotti nel Paese e li vende ai consumatori. Mentre i big player del vaping hanno accettato a malincuore la decisione e hanno interrotto la produzione e la vendita, sono comparse molte piccole realtà indipendenti che acquistano dalla Cina e rivendono spesso sul web. La denuncia arriva direttamente dall’associazione dei consumatori indiani. “È difficile far rispettare le normative poiché la nicotina è disponibile in tutte le altre forme – ha dichiarato a Business Insider Samrat Chowdhery, fondatore e direttore dell’associazione – I grandi produttori o importatori accreditati che producono sigarette elettroniche sono già usciti dal mercato lasciando libertà di azione al mercato nera e a speculatori improvvisati. Con l’introduzione del divieto totale, il governo ha creato un grosso danno. Avrebbe invece potuto regolamentarli e tassarli così da ricavarne un doppio giovamento, sia a livello di salute pubblica che di introiti erariali”.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo L’allarme indiano: “I danni del proibizionismo? Mercato nero e prodotti scadenti” proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Salve

mi sono fatta l'opinione che si imponga il proibizionismo proprio per incentivare il mercato nero e infine screditare lo svapo, a danno, ancora una volta, della sicurezza dei consumatori. Il post epidemia, denso di drammatiche situazione economiche e sociali, dove è imperativo prevenire ulteriori ondate dovrebbe rimuovere molti dei divieti sulla ecig, e però assistiamo alla consueta cecità e tornaconto.

:12_slight_smile:

Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.