Jump to content

Report-Polosa, la cultura del sospetto trionfa in prima serata


Recommended Posts

report.jpg

Nell’epoca dei social media e della comunicazione liquida, dove chiunque può lanciare nell’etere un’accusa salvo poi nascondere le mani sotto la tastiera, ha fatto molto discutere l’inchiesta-indagine televisiva trasmessa da Report dello scorso lunedì 25 maggio. Il team giornalistico ha voluto vederci chiaro sugli eventuali rapporti “Stato-Philip Morris”, anche in virtù dello sconto fiscale di cui giova il prodotto di punta della multinazionale, il riscaldatore di tabacco Iqos. La tesi di fondo è che il prodotto in questione può rientrare tra gli strumenti di riduzione del danno da fumo. Per dimostrarlo, i giornalisti hanno intervistato alcuni medici e ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità e il vicepresidente di British American Tobacco Italia; a Philip Morris invece è stata data voce attraverso la lettura di uno scambio di e-mail tra la redazione e il responsabile della comunicazione della multinazionale biancorossa a partire dalla metà di marzo (appuntatevi questo periodo perché è importante).
La minore tossicità dei prodotti a tabacco riscaldato è stata dimostrata da varie ricerca scientifiche. Ma anche se non ve ne fossero, dovrebbe essere il buon senso a prevalere: se non esiste la combustione dovrebbe essere ragionevole pensare che non ci siano le tossine e le criticità conseguenti. Ovviamente si parla di fumo, perché le ricariche contengono pur sempre tabacco, ma in una scala di tossicità dovrebbe essere lampante che i riscaldatori si pongano un gradino sotto le sigarette tradizionali. E, secondo lo stesso criterio, due gradini sopra le sigarette elettroniche.
Il servizio televisivo ha però voluto gettare anche un’ombra sull’attività di ricerca del Coehar, il centro di ricerca facente capo all’Università di Catania, fondato e diretto dal professor Riccardo Polosa. Nonostante la troupe abbia girato circa tre ore di immagini, la redazione ha scelto di mandare in chiaro soltanto un breve momento della conversazione con Polosa, oltretutto ripreso fuori onda. Schermata-2020-05-28-alle-14.32.55.pngNon si è visto nulla dei laboratori, delle attrezzature, dell’esperimento comparativo tra tabacco, tabacco riscaldato e sigarette elettroniche che invece aveva caratterizzato la visita dei giornalisti nel centro catanese. Tutto questo per gettare un’ombra sull’operato di Polosa. Avendo il Coehar ricevuto una donazione dalla Foundation For Smoke Free World e quest’ultima da Philip Morris, il sillogismo sarebbe presto fatto: il Coehar è espressione di Philip Morris. Non sta a noi difendere Riccardo Polosa, che peraltro a livello dialettico è quasi imbattibile da chiunque. Ma utilizzando lo stesso ragionamento allora si potrebbe pensare che la trasmissione di Report sia stata confezionata per ricambiare un favore ricevuto dalle istituzioni di sanità pubblica. Non lo diciamo, ma potremmo sospettarlo, così come Report è legittimata a sospettare di Polosa.
Lo scorso 31 marzo, con molta enfasi mediatica, il finanziere George Soros ha annunciato voler donare 1 milione di euro alla città di Milano per sostenere la sanità pubblica. Contributo elargito dalla Open Society Foundation di cui il magnate di origini ungheresi è a capo. Nei giorni precedenti era stata avviata la richiesta di intervista con i vertici di Philip Morris. Report, insieme ad altri dodici media internazionali coordinati dal Consorzio di giornalismo investigativo OCCRP, partecipa al progetto Blowing Unsmoke, i cui risultati sono stati trasmessi lo scorso lunedì sotto forma di inchiesta giornalistica come più volte è stato detto dal conduttore in studio e riportato anche sul sito della trasmissione televisiva. Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) è un’organizzazione giornalistica non-profit fondata nel 2006 come un “consorzio di centri di giornalismo investigativo, media e giornalisti indipendenti che operano in Europa orientale, nel Caucaso, in Asia Centrale, America Latina e Africa”. OCCRP è uno dei primi “esempi professionali di collaborazione giornalistica investigativa transazionale gestito da un’organizzazione non-profit, un approccio che sta guadagnano riconoscimenti crescenti negli Stati Uniti e anche in Europa”. Quindi, giornalisti indipendenti che, senza fini di lucro, si mettono al servizio della verità senza secondi interessi. Omettendo però di dire che tra i loro maggiori sostenitori appare proprio Open Society Foundation, la fondazione di George Soros. Seguendo il ragionamento da loro stessi applicato a Polosa e Philip Morris, si potrebbe dunque dedurre che il servizio di Report sia stato commissionato da George Soros, già detentore di partecipazioni nell’industria farmaceutica, nonché emerito collaboratore e sostenitore dell’Organizzazione mondiale di sanità. E se si pensa che quest’ultima detta le linee guida all’Istituto superiore di sanità, ecco che il complotto è bello e servito.
Ma, appunto, di complotto, sospetti e illazioni certamente si tratta. Così come crediamo nella correttezza dei giornalisti di Report, così crediamo nella correttezza della ricerca scientifica eseguita con metodi replicabili e realistici, sia essa svolta dal sistema sanitario pubblico, sia essa svolta dall’impresa privata.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Report-Polosa, la cultura del sospetto trionfa in prima serata proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Salve

Volevo aprire un thread su questa vicenda, poi ho rinunciato perché sarebbe stato darle risalto. Colgo l'occasione per dire che certamente Report ha scoperchiato il vaso di Pandora su questioni vitali per questo: la corruzione e la lotta alla mafia e lensue infiltrazioni nella politica, per esempio; ma, come accadeva con la battagliera conduttrice precedente, ancora oggi nell'intermezzo di commento fra un servizio e l'altro, quelle considerazioni del conduttore non mi sono parse notizie, mi sono parse accenni, stimoli a deduzioni sospettose, quel modo che da decenni ci priva della spinta a sapere perché il dedotto e infine concluso ci sembra sufficiente. . Mi è sembrato un pungulare lo spettatore, da quel pungulare a suonare i campanelli per mettere in dubbio l'onestà dei cittadini in base a pettegolezzi e chiacchiere il passo è breve. Poi non ci lamentiamo. 

La pandemia in cui ci troviamo conclude un'epoca. La popolazione, non la gente, la popolazione è  provata, spaventata. Non vuole deduzioni e intrecci: vuole nomi e cognomi, prove o niente. Abbiamo già da combattere ogni giorno contro un nemico che non vediamo e non si lascia comprendere del tutto. Ci basta questo.

La Gabanelli, finalmente mi sono ricordata il suo nome, ha già dato prova di articoli e servizi molto superficiali ne approssimativi sulla ecig: qualcosa che non ci si aspettava da lei, qualcosa che chiunque può fare. Ricordo che si mossero molti esponenti dello svapo contro quella leggerezza che non era levità, bensì un buttare là il detto e ridotto, tavola sbagliato. La puntata in questione e i commenti del conduttore sulla correttezza e moralità mi sono sembrati uguali: ovvio che tutti riteniamo moralità e correttezza nella ricerca un punto inderogabile. Il suo successore è scivolato, con lo stesso tono di severo maestro per quanto sorridente, nello stesso atteggiamento che non arricchisce di alcunché  lo spettatore. Casomai gli fa dire...ecco vedi....tutti uguali. Quando tutto è uguale, niente è ; e non mi pare propedeutico di alcun discorso sulla ricerca e i suoi esponenti.

Va bene, in ultimo ne ho scritto più di quel che volevo.

:biggrin:

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi è Online

    No members to show

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.