Jump to content

I due nuovi aromi di Angolo della Guancia all’insegna della ricerca e tradizione


Recommended Posts

AdG-BlackCavendish-Kentuckysmoked_150520

La galassia degli estratti naturali di tabacco di Angolo della Guancia si espande e dopo aver realizzato lo scorso autunno l’aroma ultra Mandingo, un estratto organico di puro Latakia siriano, il produttore emiliano si accinge a lanciare sul mercato due nuovi aromi tabaccosi, Kentucky very smoked e 1585 Black Cavendish, allargando di fatto la gamma di estratti di tabacco ultra concentrati da offrire agli estimatori del genere.
Come già successo per il Mandingo – racconta Miriam Rancati, co-fondatrice di Angolo della Guancia – siamo andati alla ricerca delle foglie più pregiate di tabacco per realizzare questi due nuovi aromi, cercando poi di personalizzare il più possibile i processi di lavorazione, fondamentali per giungere a prodotti finiti di qualità. In Angolo della Guancia siamo sempre animati dal desiderio di portare e aggiungere qualcosa di nuovo al settore”.
AdG-BlackCavendish_150520.jpgKentucky Very Smoked e 1585 Black Cavendish saranno commercializzati a partire da lunedì 18 maggio nel formato da 10 millilitri e dovranno essere diluiti in una base di glicole propilenico e glicerolo vegetale a una percentuale variabile tra il 5 per cento e il 10 per cento (a gusto personale del consumatore). Il produttore consiglia una maturazione di almeno 24-48 ore prima del consumo. “In Kentucky very smoked – spiega Colantuono, socio fondatore del marchio – ci siamo serviti di un Kentucky a foglia corta coltivato in Italia e affumicato con il metodo dark fire cured, per accentuarne i sentori smoky. Abbiamo ottenuto un aroma dal sapore forte e intenso con un effetto simil Latakia. Con 1585 Black Cavendish, partendo da un blend di tabacchi a prevalenza virginia ci siamo concentrati sulla particolare cura a cui vengono sottoposti i tabacchi prima di  diventare Black Cavendish. I più esperti sanno che il Black Cavendish non è una qualità di tabacco vera e propria, ma è il risultato di processi di pressurizzazione e fermentazione ai quali vengono sottoposte le foglie. La leggenda narra che la sua scoperta, da attribuirsi al navigatore inglese Sir Thomas Cavendish nel 1585, sia stata del tutto casuale. Ebbene il nostro 1585 Black Cavendish abbiamo deciso di farcelo in casa e – conclude Colantuono – dopo un’attenta ricerca e varie fasi di sperimentazione, siamo riusciti a mettere a punto un processo che ripercorre fedelmente la “ricetta” originale del 1585″.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo I due nuovi aromi di Angolo della Guancia all’insegna della ricerca e tradizione proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.