Jump to content

Ospedale di Parma: “Pochi fumatori fra i malati di covid-19”


Recommended Posts

fumatore-covid.jpg

Un nuovo studio italiano, proveniente dall’ospedale universitario di Parma, si occupa di fumo e covid-19 e giunge alle stesse conclusioni di altri recenti lavori scientifici. E cioè che vi è una bassa prevalenza di fumatori fra i pazienti ricoverati per aver contratto la malattia da coronavirus. È una questione che sta dividendo la comunità scientifica internazionale e il perché è facilmente immaginabile: il fumo è la prima causa di morti prevenibili al mondo e sarebbe molto pericoloso se qualcuno si sentisse giustificato, o addirittura incentivato, a continuare in una pratica pericolosa per la salute. Le malattie causate dal fumo, cardiovascolari e polmonari in primis, rappresentano certamente un fattore che può causare un esito più grave nei malati di covid-19. Eppure, per quanto controintuitivo possa essere, un po’ dappertutto si sta registrando un dato sconcertante: fra i pazienti ospedalizzati i fumatori sono sottorappresentati.
Il lavoro in questione, intitolato “Smoking prevalence in low symptomatic patients admitted for covid-19”, non è ancora stato pubblicato e è stato sottoposto a peer review, ma è già disponibile su MedRxiv. L’autore principale è il dottor Nicola Gaibazzi, responsabile della Struttura semplice dipartimentale di Coordinamento attività specialistiche ambulatoriali cardiologiche dell’azienda Ospedaliero-universitaria di Parma, che ha lavorato insieme a Domenico Tuttolomondo, Angela Guidorossi, Andrea Botti, Andrea Tedeschi, Chiara Martini e Maria Mattioli, tutti della stessa struttura.
coronavirus-microscopio-300x184.jpgLo studio riporta una serie di casi retrospettivi riguardante 441 pazienti con covid-19 confermato, che sono stati ricoverati a Parma tra il 5 e il 31 marzo scorsi. Di questi, 273 erano maschi (il 62%) e l’età media era di 71 anni. I pazienti deceduti durante il ricovero sono stati 156 (il 35%), mentre 285 (65%) sono stati dimessi perché clinicamente guariti. Ma veniamo ai dati sul fumo. Su 441 pazienti, i fumatori attivi erano 21, cioè il 5%, mentre gli ex fumatori erano 44, il 10%. L’85%, cioè 376 pazienti, erano non fumatori. Anche in questo caso, gli autori dello studio rilevano come la prevalenza dei fumatori attivi sia “sproporzionatamente bassa rispetto alla prevalenza del 24% dei fumatori nella popolazione italiana generale”.
Un risultato che, evidenziano gli stessi autori “appare replicare le scoperte che possono essere estratte da tabelle descrittive nei rapporti cinesi e anche nei recenti rapporti statunitensi da New York”. Gaibazzi e i suoi ricercatori suggeriscono quindi “che i fumatori possono trasportare un qualche tipo di meccanismo protettivo dall’infezione sintomatica Sars-cov-2”, specificando che saranno necessari ulteriori studi controllati appositamente progettati per confermarlo. I ricercatori di Parma ipotizzano una spiegazione: “È stato dimostrato – scrivono – che l’esposizione al fumo modula le risposte immunitarie e immunitarie adattative e riduce i livelli sistemici di marcatori immuni/ infiammatori, se confrontati con i non fumatori. Pertanto, il fumo potrebbe attenuare la normale funzione difensiva del sistema immunitario, che diventa tollerante a un insulto infiammatorio continuo”. Altri ricercatori, come Konstantinos Farsalinos, ipotizzano un ruolo protettivo della nicotina. Una cosa è certa: tutto questo potrebbe aiutare a capire i meccanismi del virus, ma non vuole assolutamente dire che non si debba smettere di fumare. Il fumo uccide più del covid-19.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Ospedale di Parma: “Pochi fumatori fra i malati di covid-19” proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi è Online

    No members to show

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.