Jump to content

Fumo e Covid-19, Li Volti (Coehar): “Correlazione mai dimostrata”


Recommended Posts

covid-19-coronavirus.jpg

Ad oggi, non esistono dati o prove sperimentali che suggeriscano un impatto significativo del fumo nel complesso meccanismo di correlazione tra l’enzima Ace-2 e il virus scatenante covid-19. Lo rivela uno studio condotto dal professor Giovanni Li Volti svolto in collaborazione con Massimo Caruso e Riccardo Polosa. Dati sperimentali suggeriscono che l’infezione da covid-19 generi una deplezione dell’attività dell’Ace-2, dannosa poiché aumenterebbe l’attività non controllabile dell’enzima in oggetto.
È stato osservato che la diminuzione della presenza di Ace-2 contribuisce allo sviluppo di lesioni polmonari e Bpco. Al contrario, una maggiore espressione dell’enzima potrebbe paradossalmente proteggere da lesioni polmonari gravi causate dal covid-19. Secondo studi recenti, la nicotina potrebbe avere un’azione protettiva, invece che dannosa, in termini di possibilità di contrarre l’infezione da coronavirus. Ma il fumo di sigaretta contiene migliaia di altre sostanze cancerogene dovute al processo di combustione. A tal proposito, secondo uno studio condotto dal dottor Brake, le sigarette elettroniche e similari, sembrerebbero non più sicure di quelle convenzionali, poiché causa di danni equiparabili in un organismo che ha contratto il covid-19. “Associazione quanto mai sbagliata – sostiene Giovanni Li Volti, direttore del Coehar dell’Università di Catania – perché in primo luogo le sigarette elettroniche come sappiamo sono meno dannose di quelle convenzionali e ancora più importante: non esiste nessuno studio che correli l’utilizzo di tali dispositivi con un rischio maggiore di contrarre forme gravi di coronavirusLo studio di Brakespiega Li Voltiparte dall’assunto che i pazienti con Bpco sono più ricettivi al covid 19. Non tutti i fumatori però sono affetti da Bpco e questo ci porta a pensare che le affermazioni seguite alla pubblicazione dello studio del collega siano speculative. Oggi non esistono dati che dimostrano che i fumatori siano più sensibili al contagio di coronavirus, anzi. I dati epidemiologici che provengono dalla Cina ci dicono proprio il contrario, che i fumatori sono in larga maggioranza i meno colpiti dal covid-19. Ed il ruolo protettivo della nicotina sembra essere molto rilevante”.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Fumo e Covid-19, Li Volti (Coehar): “Correlazione mai dimostrata” proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi è Online

    No members to show

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.