Jump to content
Amministratore

L’Oms all’offensiva delle sigarette elettroniche: il documento che lo dimostra

Recommended Posts

L’Organizzazione mondiale di sanità si prepara all’offensiva contro i prodotti che riducono il rischio da fumo? Sembrerebbe di sì, leggendo due documenti interni appena pubblicati da Clive Bates sul sito The Counterfactual. bates-300x188.pngL’autore è un esperto di salute pubblica con una lunga storia da dirigente del settore pubblico che lo ha portato, fra l’altro, a occuparsi nel 2005 di sanità e di fumo nel gabinetto dell’allora primo ministro britannico Tony Blair e a lavorare all’elaborazione della Convenzione quadro sul controllo del tabacco della stessa Oms. Bates è venuto in possesso di due documenti dell’Ufficio regionale del mediterraneo orientale (Emro) dell’Organizzazione, preparati per un incontro del Global tobacco regulators’ forum che si terrà questa settimana e getterà le basi del prossimo Cop9, in programma per il 2020. I documenti riguardano gli Ends e gli Ennds (rispettivamente Electronic nicotine delivery systems e Electronic non-nicotine delivery sistems), cioè le sigarette elettroniche, e i riscaldatori di tabacco e vogliono dare indicazioni agli Stati dell’area su come regolamentare i prodotti.
Il documento comincia in bellezza, suggerendo di trattare le sigarette elettroniche come i prodotti del tabacco, “sebbene l’Oms non le classifichi come tali”. I motivi elencati per scegliere questa strada sono molteplici: dal fatto che “generalmente contengono nicotina, che è una sostanza derivata principalmente dal tabacco”, al fatto che il loro uso mimi quello del tabacco “sia per la dipendenza fisiologica e comportamentale che come metodo di consumo”. In spregio a una vasta letteratura scientifica, si sostiene che non vi siano prove che riducano il rischio da fumo, né che possano essere usate per smettere di fumare. Si sostiene che attirino i minori e li spingano a fumare e che siano “prodotte, distribuite e vendute da aziende dell’industria del tabacco o da altre industrie ad essa collegate”.
Al punto g dell’articolo 1, si fa riferimento ad una nota della Banca mondiale che raccomanda di classificare gli strumenti elettronici come prodotti del tabacco ai fini fiscali. “I device – si legge – dovrebbero essere classificati come sostituti dei tabacchi lavorati e i liquidi (a prescindere dal contenuto di nicotina) come estratti ed essenze di tabacco”. Anche, supponiamo, se sono liquidi alla fragola senza nicotina. I Paesi portati ad esempio come best practice sono la Georgia, il Sudafrica e la Turchia.
vaper-asia-300x184.jpgDa queste premesse, il documento si dilunga su vari aspetti specifici che vanno dal tobacco control al prezzo, dal prelievo fiscale al packaging, dalla protezione dall’esposizione al vapore alla pubblicità a molto altro. Ogni paragrafo è introdotto dalla seguente locuzione: “Gli Stati membri possono considerare opzioni normative come 1. Vietare l’importazione, la vendita e la distribuzione di sigarette elettroniche”. Poi, per chi proprio non vuole vietarle, seguono una serie di possibilità alternative estremamente restrittive e vincolanti. Ed è singolare che l’Oms suggerisca come prima opzione di vietare l’e-cigarette, quando invece non propone la stessa per il tabacco.
Secondo Bates, il documento dell’Emro non ha una logica, non mira a diminuire le morti da fumo e potrebbe avere pesanti conseguenze sulla salute pubblica. “Conseguenze – scrive – ovvie e prevedibili se si accetta anche solo la possibilità che questi prodotti riducano il rischio del fumo e che possano sostituirlo per chi consuma nicotina. Vi sono sufficienti evidenze scientifiche a sostegno di queste affermazioni e nessuna prova credibile per negarle”. Per la cronaca, il documento suggerisce le stesse misure draconiane per i riscaldatori di tabacco. Per leggere i documenti dell’Ufficio regionale del mediterraneo orientale (Emro) dell’Oms e le riflessioni di Clive Bates, cliccate su questo link.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo L’Oms all’offensiva delle sigarette elettroniche: il documento che lo dimostra proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi è Online

    No members to show



×
×
  • Create New...