Jump to content

Evali, sigaretta elettronica scagionata: incidenza maggiore dove marijuana è illegale


Recommended Posts

cannabis-ok.jpg

Uno studio appena pubblicato su Jama Network ha analizzato la diffusione di Evali – la malattia polmonare diffusasi negli Usa a partire dalla scorsa estate e per molto tempo erroneamente collegata alla sigaretta elettronica – negli Stati americani. E ha scoperto che la sua incidenza è stata maggiore in quei territori in cui la marijuana per uso ricreativo è illegale, mentre non c’è alcun rapporto con il tasso di utilizzatori di e-cigarette. Un tassello in più che scagiona l’uso convenzionale della sigaretta elettronica con nicotina e conferma come le morti e i decessi siano dovuti al mercato illegale di prodotti per la vaporizzazione alla cannabis, contenenti acetato di vitamina E.
cannabis-light-1-300x190.jpgI tre ricercatori, Coady Wing, Ashley C. Bradford e Aaron E. Carrol – tutti dell’Indiana University – hanno condotto una analisi trasversale su 51 Stati americani, incrociando i dati sui casi di Evali dei Centres for disease control (Cdc), la prevalenza degli svapatori e le normative in vigore sul consumo di cannabis. Negli Usa, infatti, la marijuana rimane proibita dalla legge federale, ma alcuni governatori hanno introdotto alcune misure di legalizzazione. Esiste così una mappa a pelle di leopardo, con Stati che ne ammettono l’uso sia per uso ricreativo che medico, altri solo medico e altri ancora che la vietano totalmente.
I risultati sono abbastanza eloquenti. Dove il consumo della marijuana è consentito per tutti gli usi, l’incidenza media della malattia è stata di 1,7 per milione di abitanti. È stata invece di 8,8 negli Stati in cui ne è ammesso solo l’uso medico e di 8,1 dove è vietata. Insomma, mentre negli ultimi due casi le differenze non sono sostanziali, dove l’uso della sostanza è legale ci sono stati 7,1 casi in meno di malattie polmonari. Il tasso medio dei vaper, invece – rileva lo studio – è sostanzialmente simile in tutti e tre i gruppi di Stati e non influenza il numero di malati. Tanto che gli autori affermano che “non vi è associazione fra la prevalenza dell’uso della sigaretta elettronica e i tassi di casi di Evali”.
Questi risultati, da una parte confermano che la malattia è stata causata davvero da prodotti di provenienza illegale, visto che l’incidenza è stata drammaticamente più bassa negli Stati in cui i consumatori potevano acquistare nelle rivendite autorizzate. Dall’altra dimostrano come la sigaretta elettronica con nicotina, il vaping, non aveva niente a che fare con la malattia. “I nostri dati – concludono gli autori dello studio – indicano che i casi di Evali si sono concentrati negli Stati in cui i consumatori non hanno accesso a rivendite autorizzate di marjuana per scopo ricreativo. Questa associazione non è indotta dalle differenze nell’uso dell’e-cigarette e i casi di evali non sono associati alla prevalenza dell’uso della sigaretta elettronica”.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Evali, sigaretta elettronica scagionata: incidenza maggiore dove marijuana è illegale proviene da Sigmagazine.

Questo articolo è stato importato in modo automatico da Sigmagazine

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy , per saperne di piu' o negare il consenso consulta la nostra COOKIE POLICY Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.