Jump to content
Andrea.Pelach

Drag 2 kit - voopoo

Recommended Posts

Questo kit mi è stato gentilmente mandato da Sourcemore -che ringrazio- in cambio di una recensione.

Il prodotto che andrò a recensire lo potete trovare al seguente link:

https://www.sourcemore.com/voopoo-drag-2-177w-kit-with-uforce-t2-scarlet.html

Inoltre sarà possibile anche sfruttare uno sconto dell’8% inserendo il codice SVAPO8 -anche su prodotti già scontati-  con la possibilità di ottenere anche la spedizione gratuita, i tempi di consegna si aggirano tra i 10 e i 15 giorni.

                                             

 

Il Kit di cui vi parlerò è il Drag 2 Kit - VOOPOO ottimo per chi si vuole approcciare al cloud chasing con atom a testine prefatte, la box ha un’erogazione massima di 177W e dotata del Gene Chip con la modalità FIT. In questo caso Sourcemore mi ha mandato la versione “Scarlet”, ma è disponibile anche in altre variante.

spacer.png

 

Partiamo dal packaging, molto coinciso e contraddistinto per il logo “DRAG” (che ritroveremo disegnato anche sullo sportellino del vano batterie), nella parte posteriore troviamo le indicazioni sul contenuto della scatola, delle avvertenze, lo “scratch and check” per l’originalità del prodotto e i marchi CE e smaltimento. Aperta la confezione troviamo la nostra Drag2 e nello scompartimento sottostante abbiamo lo U-Force tank e le spare parts.

spacer.png spacer.png

Le spare parts includono:

  • 1*0.2ohm N3 Triple Mesh Coil
  • 1*Vetro pyrex 
  • 1*Cavo USB per ricarica ed aggiornamento software
  • 1*Carta di gaziana7autenticità prodotto
  • 1*Manuale utente Drag2
  • 1*Manuale utente U-Force tank

 

spacer.png

 

Drag 2 177W box mod

La box è costruita quasi interamente in lega di zinco che gli conferisce una certa robustezza e senso di solidità pur rimanendo leggera, pesa circa 250g (batterie comprese) e circa 310g con l’atom. Le dimensioni sono nella media e misura 88.3mm x 51mm x 26.5mm; una cosa che ho apprezzato è che il peso e le dimensioni sono di molto ridotte rispetto alla precedente versione.

Sui lati della box abbiamo due pannelli, il primo in resina colorata, il secondo in lega di zinco la cui funzione è quella di coprire il vano batterie, questo pannello sta in sede con due magneti potenti ma che fanno comunque un po’ gioco, circa 1mm dall’alto al basso.

spacer.png

 

Una cosa che esteticamente non mi piace è la tazza che sporge di circa 1mm dalla base della box creando del vuoto tra l’atom e la mod. Capisco che sia un modo per salvaguardare la vernice della Drag però avrei preferito di gran lunga che la tazza fosse a filo.

spacer.png

 

Veniamo adesso al circuito, il pezzo forte di questa box; la Drag 2 è dotata di un circuito proprietario il “GENE FIT CHIP”.  In questa nuova versione del chip è stata apportata un’aggiunta, la modalità “FIT” suddivisa in tre livelli:

  • Fit 1 per un’alta durate delle batterie
  • Fit 2 per il flavour
  • Fit 3 per il cloud

Ad essere sincero non ho notato grandi differenze tra le varie modalità, in pratica cambia solo la modalità di erogazione con dei wattaggi presettati in base alla resistenza che viene letta dalla box, un po’ come accede per le altre box con le modalità: “soft-normal-hard”. In definitiva trovo questa modalità FIT più una trovata pubblicitaria che altro.

 

La box in VW e in modalità FIT  legge resistenza che vanno da 0.5 a 5 Ohm.

La terza fuzione utilizzabile è Controllo di temperatura (TC), in questo caso la box legge resistenze che vanno da 0.5 a 1.5 Ohm; è possibile scegliere fra tre tipologie di materiali:

  • Stainless steel
  • Nichrome
  • Titanium

Veniamo adesso alla nota dolente, il passaggio tra le varie funzioni (VW, FIT, TC) perché dobbiamo premere 3 volte il tasto fire per ogni cambio di modalità. Mi spiego meglio, se sono in modalità VW e voglio passare alla modalità FIT dovrò fare 3 click, medesimo procedimento per passare dalla FIT alla TC. Arrivati alla TC per tornare alla modalità VW dovrò selezionare uno dei tre materiali disponibili e poi premere altre tre volte il tasto fire. Una volta selezionata la modalità TC per accedere alla personalizzazione si dovrà premere quattro volte il tasto fire.

Non vi sto a dire quante volte ho spento la box per sbaglio, perché ovviamente la Drag 2 (come tutte le mod elettroniche) si accende/spegne con 5 click.

Una cosa a cui fare attenzione è che le modalità FIT non sono selezionabili ma solo evidenziabili, per spiegarmi meglio prendo in prestito un passaggio della recensione di Dablueco: “Arrivati alla modalità FIT, mi sono trovato un attimino spiazzato cercando di selezionare una delle 3 modalità Fit. Dopo avere evidenziato con i tasti + e – una delle 3 modalità, ho cercato invano di sceglierla premendo il tasto fire. Dopo 2-3 minuti buoni, mi sono accorto che non bisognava selezionarla, bensì evidenziarla e svapare. Quindi attenti, che se per sbaglio decidete di svapare in modalità FIT 1 (Watt molto bassi) e per errore premete il tasto – mentre l’avete in mano, vi ritroverete in modalità FIT 3 con un aumento non indifferente di watt.”

spacer.png

 

U-Force tank

Il tank è un bottom airflow con diametro da 25mm a testine prefatte proprietarie, che non mi hanno convinto molto, dopo averle inizializzate per i primi ml non hanno restituito un buon aroma, dopo un po’ di rodaggio però le cose son migliorate nettamente, per fortuna. La testina usata per testare il tank è stata la 0.4ohm U2 Dual Coil spinta sui 50W, la coil ha avuto una durata di circa 35-40ml.

spacer.png

 

Una cosa che non mi è piaciuta è la modalità di ricarica del liquido, l’apertura del refill è troppo morbida e rischia di aprirsi, avrei preferito un drip tip con una base più lunga in modo da bloccare l’apertura.

 

Eccoci infine arrivati ai miei pareri personali, che ne penso di questo kit?

Partiamo dall’atom che è la cosa che mi ha convinto meno, esteticamente lo trovo gradevole e la resa aromatica -dopo un paio di ml- è buona però l’apertura col carrellino è una limitazione abbastanza grossa. Come già detto non gli do più di un sei, aveva del buon potenziale ma non sono riuscito a valorizzarlo correttamente, peccato. VOTO: 6

Per quanto riguarda la mod il suo difetto più grande è la navigazione del menù ma una volta superato questo ostacolo la box è fantastica, esteticamente la è tra le box dual 18650 più belle sul mercato, l’erogazione è istantanea e la gestione delle batterie è ottima. Il Gene Chip funzionava alla grande sulla Drag e continua a farlo anche su questa Drag 2. VOTO: 8

PRO:

  • Ottima erogazione e gestione batterie
  • Compatta e leggera (per essere una dual battery)

CONTRO:

  • Chip macchinoso

 

spacer.png spacer.png

 

Se trovate solo la box, a mio avviso, è da prendere al volo anche se con meno di 50$ vi portate a casa l’intero kit. Infine ci tengo a ringraziare un’ultima volta Sourcemore per avermi messo a disposizione questo kit, anche se la mia recensione è terminata rimango a disposizione per future domande.

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...