Jump to content

vaper da strapazzo

Member
  • Content Count

    10
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

31 Neutrale

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Se mai ti capitasse un re-gen (meglio clone... originale costa uno sproposito! Caccio sempre più malvolentieri più di un centinaio di euro per un atom!!) prendilo senza pensarci. Uno come te non puó non averlo mai provato! N.
  2. Singoli: Kentucky lt, Kentucky usa lt, Latakia lt, Burley lt, Laodicea VC, Perique lt, Cavendish BN, Brenta VC, Bruma VC, Oriental LT, assolo di Kentucky lt, assolo di Latakia lt. Utilizzo volentieri anche Kentucky reserve bf e Kentucky adg ma meno rispetto a quelli citati e non so ancora se faranno parte delle mie scorte ‘fisse’ Il Kentucky vc l’ho amato alla follia. Non lo vaporizzo da ben più di un anno. L’ho ripreso ma non ancora riassaporato. Da valutare se mi piaccia ancora tanto come in passato quando avevo una conoscenza di Kentucky piuttosto ristretta. Mixture: sigaro italiano lt, EM lt, AB lt, west vc, EM CV, mix n.2 lt (anche se la trovo troppo simile al piloto cubano). Mi mancano la mix n.1 e la balkan di lt che credo possano piacermi molto. Aromatizzati: irish black bf.
  3. Completato odissey al 100% il primo gennaio. Veramente bella esperienza a distanza di secoli dall’aver giocato Mario 64 e Sunshine. Nel frattempo ho finalmente giocato a new super Mario Bros su Wii (regalo di una decina di anni fa!!!) finendolo senza peró aver avuto la voglia di completarlo al 100%. Troppo frustante anche grazie all’odioso controller wii (purtroppo non è possibile usare il pad). Gli ultimi platform 2D che ricordo di aver giocato mi sembra fossero rayman e medioevil con ps1 ai tempi del liceo! Più di venti anni fa! Ho aspettative enormi da Zelda BotW ma voglio iniziarlo a Febbraio. Intanto a Natale mi hanno anche regalato link’s awakening (cosa darei per rigiocare OoT!!!). Cosa incomincio? Mi sa che sarà il turno di mario+rabbids! Genere che, da quel che ricordo, credo di non aver mai giocato. Mi lascio alla fine i tre capitoli di Zelda! Chi di voi sta giocando? A cosa?
  4. @SB68 che ti sembra l’in’ax v5? hai avuto modo di provarlo?
  5. @Dodi75 vado a memoria e non ho verificato ma credo che la sanyo a cui tu ti riferisca sia la C e non la B. La B la uso con soddisfazione in box elettroniche a 10-15 watt Max. La C mi ha davvero impressionato. Tanto da non farmi quasi rimpiangere la 30T. La vapcell 20700 gold dovrebbe essere un rewrap della sanyo NCR20700A (la C dovrebbe essere la sua evoluzione): ne ho due che mi lasciano decisamente perplesso. Ho letto da più fonti che vapcell in passato abbia sostituito spesso celle tra una batch e l’altra e sono piuttosto convinto che nel mio caso, la cella che si cela sotto il wrap, non abbia le caratteristiche dichiarate.
  6. Atari 2600 amstrad cpc464 sega mega drive (volevo il snes ma non si trovava) ps1 al lancio nintendo 64 (preso per giocare a ocarina of the time) game boy color game cube ps2 (presa per giocare a gran turismo) poi ci sono stati 15-16 anni in cui ho lavorato talmente tanto finendo per rinunciare a tutte le mie passioni. Nel 2005 regalai tutte le mie console tenendo soltanto il gb color (che ancora oggi uso con tetris) Nel 2011 mia moglie mi regala una wii rossa limited edition che ho usato poco e nulla... sino a circa un anno fa dove finisco a passare molte ore a giocare soprattutto a Mario kart ed ad un vecchio pes (che per me resta WE!) Ad agosto il mio vecchio pioneer dv668 tira le cuoia e ne apriffitto per cambiare tv passando ad un lcd 4k uhd 55” e rinnovare una parte dei miei componenti ht. A settembre la tentazione di cedere alla ps4 per giocare al nuovo pes è forte ma il richiamo della grande N è troppo forte! Prendo la Switch. Settembre e metà ottobre passano giocando a Mario kart 8. poi passo a Super Smash Bros Ultimate che ho riposto proprio ieri per incominciare Super Mario Odyssey. Altri titoli che mi attendono: Zelda BotW mario+rabbids Zelda TP (Wii) Super Mario Bros Wii Cose che mi sarebbe piaciuto possedere: c64 Nes master system Amiga 500 Sega saturn sega Dreamcast neo geo un cabinato di Street Fightet II
  7. Queste strumentalizzazioni sono l’aspetto che più mi fa incavolare! Anche perché entrambi hanno detto verità... ma a metà! Soprattutto bisognerebbe analizzare attentamente quel ‘chi cerca di togliersi il vizio del fumo’. Corretto solo in parte perché nella stragrande maggioranza dei casi quel vizio viene solo sostituito da un altro che ‘dovrebbe’ far meno male (probabile) ma di cui ancora troppo poco si sa. Ed è bene aver ben fisso in testa che noi siamo semplici cavie. Son convinto che con un uso ben preciso e consapevole e, soprattutto, con un po’ di volontà, la sigaretta elettronica potrebbe rivelarsi lo strumento più potente per sconfiggere la schiavitù psicofisica della nicotina e del fumo/vapore. Ma chi si è mosso in questa direzione? Chi si sta effettivamente preoccupando della salute di noi cavie? Cavie... se non addirittura tossicodipendenti siamo! Con i produttori a sfregiarsi le mani dandoci le nostre dosi sotto forma di liquidi di cui cosa sappiamo? Per non parlare di atom e mod sfornati come caramelle per far cassa preoccupandosi ben poco dei criteri per ridurre al minimo il danno. Ben vengano le tasse per finianziare studi e per rendere il vapore il più innocuo possibile. Ben vengano campagne di informazioni per tentare di allontanare la gente da quella peste che è il fumo. Ben vengano dati sempre più aggiornati e veri. Senza strumentalizzazioni per annebbiar la vista con il fumo o il vapore a seconda di chi legge. Ben vengano produttori che ci trattino con rispetto. Ma soprattutto ben vengano politici che hanno veramente a cuore il bene pubblico (ahahahah)! La mia verità è che... giri e ti rigiri ma la sostanza resta solo quella di gonfiar le tasche... degli uni o degli altri. E noi a pagare... non solo con ció che va e viene ma anche con quel che di più prezioso abbiamo...
  8. @franzokun uso la campana piatta. Ma non ricordo se ho provato anche con la tonda!!! Ma uso l’armed (a mio avviso un po’ più secco). Con il TAE (ho il 23) mi son ritrovato un tank molto simile al Reaper v2 (che adoro e che è uno degli atom che ho più usato in assoluto) per resa ma mi trovo molto più a mio agio con il grezzo e spartano (in tutti i sensi) tank inglese scopiazzato da progetti russi! Il rose v3 mi piace molto... anche il Pico v2... ma quando devo smontare vari pezzi per accedere alla coil... finisco per imprighirmi ed usarli poco. L’eagle ha lo stesso problema.
  9. @Renata1 essendo l’irish uno degli aromi più imprestanti che mi sia capitato di provare, occhio ai tank in plastica. Potrebbe costare molta fatica togliere quell’aroma. Lo trovo più adatto ad atom con tank in vetro. Meglio ancora dedicarne uno soltanto solo a quel l’aroma. La mia scelta è ricaduta sul tile armed da 23mm. Lo utilizzo in flavour tra i 20 ed i 30 watt, foro da 2.5 e... la nota di stout esce molto bene ed il latakia lo accompagna molto bene... soprattutto se il liquido lo si fa riposare un po’. Preferisco non stapparlo prima dei 2 mesi. N.
  10. Il vapore, ormai, mi fa compagnia da tanto tempo! E non ho alcun dubbio nell’affermare di aver sostituito un vizio con un altro. Concordo anche che sia infinitamente meno pratico di quello precedente. Ricordarsi di caricare le celle, di rigenerare, della manutenzione, delle innumerevoli cose da ricordare di portar con se che... diventano tante soprattutto se si deve affrontare una lunga trasferta. Per non parlare delle odiose macchie su maglie o pantaloni dovute a piccole microperdite non asciugate tempestivamente! Son sempre più convinto che la dipendenza da nico sia ormai sconfitta del tutto. Mi capita di vaporizzare liquidi senza nico per settimane intere (DL) senza più sentire quel bisogno di colpo in gola che è sempre stato, nel mio immaginario, l’aspetto che più mi intrappolava nel vizio del fumo (e nel vaping stesso sino a non molto tempo fa!). Oggi, tutto sommato, nemmeno più quello mi condiziona più di tanto. Mi è capitato di restare giorni interi senza vaporizzare senza ‘drammi’ o rinunce tipiche da fumo analogico. In quel caso, quando impossibilitato, era davvero un dramma con la manifestazione tipica dei più ‘insensati’ sintomi da astinenza. Il mio organismo mi lancia, di tanto in tanto, dei segnali che mi lasciano intendere che smettere, o almeno provare a farlo, sia la scelte più logica e giusta. Ma in realtà non ho mai minimamente considerato concretamente la cosa: per mancanza di volontà, per un non ancor sufficiente ‘amor proprio’ , per non essermi ancora stufato del tutto di investire tanto di quel prezioso tempo che sarebbe preferibile investire in altro modo. Tornando indietro, avrei cercato di investirne meno (e risorse) nella ricerca del piacere (attraverso un uso sempre più consapevole dei dispositivi e degli aromi/liquidi a loro associati) concentrandomi principalmente sull’appagamento del solo hit da nicotina (utilizzando magari un solo aroma o addirittura riducendomi a vaporizzare sola base con nico) limitando nel tempo consumi ed abbassando gradualmente la percentuale di nico. Sono convinto che arrivando a 3-4 ml di liquido al giorno con una concentrazione di 1-2 mg/ml ci si ritroverebbe a non sentirne più il bisogno. Gli aromi, credo finiscano per rendere il vaping sin troppo piacevole e, conseguentemente, ‘gustoso’ (molto di più della cara vecchia sigaretta!). Il vaping diventa un po’ come il caffè alla mattina, il biscottino dopo pranzo, il pezzetto di cioccolata fondente dopo cena, la grappa per annegare il pranzo domenicale, la birra da sorseggiare durante la visione di una partita, la sfogliatella calda da mordicchiare durante una passeggiata di un fine pomeriggio invernale ecc ecc. Piccoli piaceri della vita quotidiana di un individuo che con la magia del vapore finiscono per creare ‘troppa’ dipendenza. Una ‘voglia’ sempre a portata di mano a cui è più difficile rinunciare. Ho fumato per sedici anni e, forse, con il fumo analogico non ho mai raggiunto le vette di soddisfazione sfiorate gustando un duchess in dual coil o un Kentucky con un tank MTL. Ma non avevo alcuna intenzione di smettere e buttare definitivamente quel pacchetto! Forse perché rassegnato al fatto di non poter sconfiggere quella dipendenza! E la frustrazione generata dal non riuscire a farne a meno anche per poche ore era tale da dissuadermi dal provare ancora una volta. Il vaping mi ha permesso di farlo! Al tempo stesso mi son reso conto di aver sostituito quel vizio con un ‘nemico’ più alla mia portata ma, al tempo stesso, mi ritrovo a far di tutto per non tagliar definitivamente la testa al toro! Ed ecco che sopraggiunge il mio rammarico più grande: perchè finiamo per non utilizzare il vaping per il suo scopo più nobile? È o non è lo strumento più efficace mai ideato per poter sconfiggere il tabagismo? Sola e semplice alternativa, si spera meno nociva, al fumo tradizionale? Io non ci sto... sono ancora fortemente convinto che sia molto di più!
×
×
  • Create New...